Roulette russa di Mezzago, subito a giudizio i tre giovani arrestati

Le manette erano scattate lo scorso novembre.

Roulette russa di Mezzago, subito a giudizio i tre giovani arrestati
Vimercatese, 14 Febbraio 2019 ore 09:38

Roulette russa di Mezzago, subito a giudizio i tre giovani arrestati. Le manette erano scattate lo scorso novembre dopo un intervento dei Carabinieri.

I capi d’accusa

Il giudizio immediato è stato chiesto dal Pm della Procura di Monza Salvatore Bellomo. Sequestro di persona, tentata estorsione, detenzione e porto di arma clandestina nonché detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Sono queste le accuse nei confronti di tre spacciatori di 25, 24 e 21 anni, arrestati a novembre. I tre spacciatori italiani sono finiti in manette per aver sequestrato e costretto a subire la “roulette russa” tre giovani pusher (due 18enni e un 17 enne appunto), puntandogli una calibro 38 carica alla testa, colpevoli di aver fatto sparire una partita di droga, rivenduta ad un quarto giovane, rintracciato e arrestato a sua volta per detenzione di droga. Il tutto è avvenuto in un box di Mezzago. I Carabinieri oltre ad eseguire gli arresti hanno sequestrato cinque chilogrammi di hashish, un chilo di marijuana e 10mila euro in contanti. I tre sequestrati sono stati denunciati a piedi libero per detenzione di stupefacenti.

Ora i tre arrestati dovranno decidere se patteggiare, optare per il rito abbrevviato oppure affrontare l’intero dibattimento.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia