operazione delle fiamme gialle

Scoperta e sequestrata a Desio una sala scommesse abusiva

Nei guai un giovane italiano di circa 30 anni che attualmente vive fuori regione. 

Scoperta e sequestrata a Desio una sala scommesse abusiva
Seregnese, 24 Febbraio 2020 ore 10:59

Scoperta e sequestrata a Desio una sala scommesse abusiva. Nei guai un giovane italiano di circa 30 anni che attualmente vive fuori regione.

Scoperta e sequestrata a Desio una sala scommesse abusiva

I militari della Guardia di Finanza di Seregno, nell’ambito dell’attività di contrasto ai giochi illegali, hanno sottoposto a sequestro un punto di raccolta scommesse brianzolo collegato ad un allibratore estero, risultato completamente abusivo.

Il centro scommesse si trova a Desio. Nei guai è finito un giovane italiano di circa 30 anni che attualmente vive fuori regione. L’attività, in base a quanto emerso dalle indagini dei finanzieri non era aperta da molto.

I controlli

Al momento dell’accesso – eseguito unitamente al personale dell’Agenzia delle dogane e dei monopolio ed agenti della competente Polizia locale – presso la sala scommesse, ove era consentito effettuare giocate a pronostico dei principali eventi sportivi (calcio, tennis, pallavolo, basket, Formula 1 e Moto Gp) – i finanzieri hanno rilevato che i personal computer erano collegati ad una piattaforma internet di gioco online riconducibile ad un bookmaker estero, sprovvisto delle autorizzazioni di pubblica sicurezza e amministrative necessarie per poter operare in Italia.

Denunciato il titolare

Le Fiamme gialle brianzole, dopo aver immediatamente denunciato il titolare del punto di raccolta per esercizio abusivo di giochi e scommesse, sono state quindi delegate dal Tribunale di Monza a dare esecuzione al decreto di sequestro preventivo dei locali e delle attrezzature – monitor, televisori, personal computer, tastiere, stampanti, proiettori, station wifi – utilizzate per lo svolgimento dell’illecita attività, emesse dal Gip al fine di impedirne la prosecuzione.

Un dipendente non assunto

I successivi e più approfonditi accertamenti, esperiti anche in relazione alla disciplina antiriciclaggio, hanno altresì permesso di accertare la presenza di un dipendente della sala scommesse, adibita anche a internet point, non regolarmente assunto, per il quale sono scattate le sanzioni per irregolarità lavoristica da un minimo di 8200 euro ad un massino di 48.200, nonché l’omesso pagamento del canone speciale Rai e la mancata emissione di decine di ricevute fiscali. 

2 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia