Scoperti migranti “abusivi” nella casa d’accoglienza

Due ivoriani non inclusi nell'elenco del Prefetto alloggiavano in un appartamento in via Valassina a Seregno

Scoperti migranti “abusivi” nella casa d’accoglienza
21 Ottobre 2017 ore 11:32

A Seregno scoperti migranti “abusivi” in una casa d’accoglienza di via Valassina

Venerdì mattina il blitz della Polizia di Stato

Migranti “abusivi” in città. Venerdì mattina l’intervento degli agenti del Commissariato di Monza  in una casa d’accoglienza in via Valassina, nella quale sono ospitati extracomunitari richiedenti asilo. Durante i controlli è emerso che l’alloggio, destinato a ospitare quattro stranieri, in realtà era utilizzato anche da migranti non inclusi nell’elenco della Prefettura e quindi non autorizzati. L’abitazione di via Valassina è composta da due piani, collegati tra loro da una scala.

In casa due stranieri non autorizzati dalla Prefettura

Nel sopralluogo la Polizia di Monza ha identificato cinque extracomunitari che dimoravano abitualmente nella casa, con il posto letto e gli effetti personali. Tre provenienti dalla Costa d’Avorio, di età compresa fra 20 e 25 anni, ricompresi nell’elenco della Prefettura di Monza: due con regolare permesso di soggiorno e il più anziano con un ricorso al rigetto. Non ricompresi nell’elenco prefettizio altri due connazionali di 26 e 20 anni.

Chi sono gli extracomunitari abusivi

L’ivoriano di 26 anni non autorizzato ad alloggiare in via Valassina risulta titolare del permesso di soggiorno emesso dalla Questura di Milano e ricorrente al rigetto della domanda di asilo; il più giovane, 20 anni, con il permesso di soggiorno del Questore di Grosseto è in attesa dell’esito della commissione. Durante le operazioni dei poliziotti sono stati rinvenuti i documenti personali di diciassette cittadini stranieri, sui quali sono in corso ulteriori accertamenti.