Senza biglietto, prende a calci i poliziotti in stazione a Monza: assolta perché “magra”

Il pm per la 20enne aveva chiesto una condanna a 5 mesi. Ma il giudice ha ritenuto il reato "tenue"

Senza biglietto, prende a calci i poliziotti in stazione a Monza: assolta perché “magra”
08 Giugno 2018 ore 14:55

Senza biglietto, prende a calci i poliziotti: assolta perché “magra”. Il pm aveva chiesto una condanna a 5 mesi. Ma il giudice ha ritenuto il reato “tenue”. I fatti sono avvenuti alla stazione ferroviaria di Monza.

Ragazza senza biglietto “salvata” dal giudice

Protagonista della vicenda una 20enne, assolta lo scorso giovedì in Tribunale, a Monza. I fatti risalgono ad alcuni anni fa. La giovane viaggiava sul treno Lecco-Milano assieme ad alcuni amici. Stava raggiungendo il capoluogo per andare a seguire un concerto, quando è stata fermata dal capotreno. Era sprovvista di biglietto.

L’avvocato: “Pesa 40 chili, come fa ad aggredire tre uomini?”

Di fatto il giudice ha accolto la tesi della difesa. L’avvocato ha puntato tutto sulla corporatura esile della giovane, sottolineando che le sarebbe stato impossibile aggredire “a calci e pugni” due agenti della Polfer e lo stesso capotreno: “Pesa solo 40 chili”, ha spiegato in Aula il difensore. E il giudice l’ha assolta per “tenuità del reato”.

Il servizio completo nell’edizione del Giornale di Monza ancora in edicola

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia