Seregno, il “boss invisibile” Paolo De Luca è finito in manette

Seregno, il “boss invisibile” Paolo De Luca è finito in manette
Cronaca 21 Novembre 2016 ore 15:11

I legami tra il “boss invisibile” e il clan brianzolo della ‘Ndrangheta dei “Sangianni”. E poi l’arsenale di armi da guerra, le sostanze stupefacenti…

Una rete sotterranea di collaborazioni che è emersa grazie all’operazione dei Carabinieri del nucleo investigativo che hanno inchiodato Paolo De Luca (buttafuori delle discoteche già indagato nell’operazione “Infinito”) e ora accusato di essere parte della cosca della ‘Ndrangheta di Giussano. In manette anche il seregnese Alessandro Colacitti insieme alla madre 70enne…

Nel servizio di due pagine sul Giornale di Seregno in edicola da domani, martedì 22 novembre, e nell’edizione sfogliabile per smarphone, pc e tablet, tutti i dettagli dell’operazione dei Carabinieri.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità