Seveso, con la pioggia via Prealpi diventa una piscina a cielo aperto

Quando piove la strada ci mette pochi minuti ad allagarsi, trasformandosi in una vera piscina. Ancora più pericolosa se si calcola l’assenza totale di marciapiedi. A puntare il dito contro le condizioni di via Prealpi, a Baruccana, è il sevesino Alberto Busnelli, che abita proprio lungo la via: "La situazione è diventata ormai insostenibile".

Seveso, con la pioggia via Prealpi diventa una piscina a cielo aperto
16 Novembre 2016 ore 09:12

Quando piove la strada ci mette pochi minuti ad allagarsi, trasformandosi in una vera piscina. Ancora più pericolosa se si calcola l’assenza totale di marciapiedi. A puntare il dito contro le condizioni di via Prealpi, a Baruccana, è il sevesino Alberto Busnelli, che abita proprio lungo la via: “La situazione è diventata ormai insostenibile”.

I disagi più grossi si rilevano principalmente in prossimità del cancello dell’oratorio: “Mancano completamente i marciapiedi. Se però dal lato della cancellata delle scuole c’è spazio per parcheggiare, dall’altro invece no. Anziché dell’erba che c’è adesso bisognerebbe realizzare un marciapiede che porti dal cancello dell’oratorio all’incrocio con via Sant’Antonio”, spiega. Così sia quando piove sia quando fa bel tempo, i pedoni sono spesso costretti a camminare in mezzo alla careggiata.

Busnelli è stato addirittura costretto a mettere un’asse di legno fuori dal proprio cancello d’ingresso per riuscire a uscire a piedi durante gli acquazzoni: “Mi sembra davvero assurdo. Addirittura tempo fa sono dovuto andare a Messa in auto perché altrimenti era impossibile”, aggiunge.

Sulla vicenda replica l’assessore Fabio Rivolta:”La strada, insieme ad altre, ha una priorità d’intervento. Un progetto per la riqualificazione è già pronto, diviso in due lotti, bisogna solo portarlo in gara”.

LA NOTIZIA SUL GIORNALE IN EDICOLA E ANCHE NELL’EDIZIONE SFOGLIABILE ONLINE PER SMARTPHONE, TABLET E PC.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia