Shopping online piacciono le proposte di qualità

L'ecommerce sempre più forte in tutti i settori sta sostenendo la ripresa. Nel 2017 previsto un fatturato complessivo di 23,6 miliardi. Vincono le piattaforme innovative, perdono gli approcci poco convinti tipici degli operatori tradizionali

Shopping online piacciono le proposte di qualità
Cronaca 30 Ottobre 2017 ore 15:36

Shopping online sempre più forte, un dettaglio che fa ben sperare in vista dello shopping natalizio. I fatturati sono al rialzo in tutti i settori, ma se nel ramo assicurativo e per il tempo libero si è quasi raggiunta la saturazione, nel settore della moda e delle tendenze c’è ancora spazio per conquistare clientela.

Shopping online in crescita

La previsione divulgata da Netcomm Consorzio per il commercio elettronico italiano nel corso di un convegno che ha avuto luogo il 10 ottobre scorso è quanto mai foriera di buone notizie. Ma non tutti i comparti brillano allo stesso modo. Accanto infatti a settori nei quali la crescita sta rallentando come quelli del turismo e dei servizi (+7% rispetto al 2016) ce ne sono altri come quello della moda dove il fatturato è di soli 2,5 miliardi, ma la crescita è stata pari a ben il 28,5% rispetto ai dodici mesi precedenti. Nel complesso il 2017 si concluderà con un incremento intorno al 17% con la vendita di prodotti che per la prima volta supererà quella di servizi.

Calzature e abbigliamento vince la qualità

Senza andare lontano prendiamo l’esempio di una realtà medio-piccola, ma molto conosciuta sul nostro territorio, Sangiorgio Calzature di Merate (LC). Il sito di eCommerce che ha da poco lanciato su www.sangiorgiomerate.it sta acchiappando click e acquisti grazie alla sua semplicità e alla velocità di caricamento delle pagine. Ordinata e razionale la presentazione dei prodotti, con il prezzo e gli eventuali sconti posti bene in evidenza, insieme alle caratteristiche dei diversi articoli. La qualità si fa apprezzare, le calzature e gli accessori fatti a mano sono preferiti rispetto alla produzione industriale.

Operatori tradizionali tra incudine e martello

Da un lato c’è la piccola o media attività  forte della propria storia ultrasettantennale e della spinta innovativa delle nuove generazioni. Dall’altro i grandi siti di eCommerce oggi sempre più evoluti. Questi ultimi stanno lanciando nuovi servizi che cavalcano l’onda di nuovi trend tecnologici quali l’assistenza vocale e il chatbot. Non solo, si dimostrano anche pronti a scendere in campo con politiche di scontistica aggressive in occasione delle sempre più sentite ricorrenze di eCommerce quali Single Day, Black Friday e Cyber Monday. In mezzo gli operatori tradizionali il cui approccio spesso sperimentale e poco convinto all’eCommerce è destinato a un sicuro insuccesso.

Il turismo primo settore

Il turismo si conferma primo settore (9,2 miliardi, +7%), incalzato da informatica ed elettronica di consumo (4 miliardi, +28%). Ottima la performance dell’arredamento e home living e food&grocery che insieme hanno registrato acquisti pari a 1,8 miliardi di euro. Si compra sempre di più, infine, tramite smartphone. Gli acquisti conclusi con il telefonino ammontano al 65% del totale, superando quest’anno i 5,8 miliardi.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità