covid-19

Coronavirus: sei decessi e nuovi contagi in Lombardia NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Coronavirus: sei decessi e nuovi contagi in Lombardia NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO
24 Febbraio 2020 ore 09:12

Tutti gli aggiornamenti sui contagi da Coronavirus in Lombardia nella giornata di oggi, lunedì 24 febbraio.

Aumentano i contagiati da Coronavirus

Ore: 18:  I centralini sono intasati. Lo ha evidenziato anche il presidente Fontana durante la conferenza stampa. “Lancio un appello a contattare il numero dedicato a ogni tipo di informazione sul Coronavirus 800.89.45.45, oppure il 1500, mentre cerchiamo di lasciare libero il 112 per le emergenze”, ha specificato durante l’apertura della conferenza stampa.

“Oggi è il primo giorno in cui possiamo dire che le nostre misure cominciano ad avere applicazione. Credo di poter dire che la popolazione stia reagendo positivamente nonostante i provvedimenti presi. Tutti gli approvvigionamenti funzionano e bisogna rassicurare la popolazione sul fatto che tutti i servizi funzionano. Aspettiamo con grande fiducia che queste misure possano dare i primi risultati e siamo convinti che daranno dei risultati positivi. Siamo in rapporto con il Governo, abbiamo avuto un incontro anche questa mattina e presto il Governo prenderà misure di salvaguardia sia per quanto riguarda i lavoratori, le imprese e le attività commerciali che stanno subendo un danno da questa condizione. Sono abbastanza fiducioso che ci sarà un miglioramento graduale. Credo che serva collaborare tutti insieme per far fronte a questo problema. Oggi ho incontrato anche l’ambasciatore della romania che ci ha raggiunto per esprimere la solidarietà del popolo romeno. Siamo fiduciosi ci possano arrivare delle risultanze positive”.

Gli ultimi dati

Siamo a 172 casi, oggi siamo a 1.500 tamponi processati, c’è un’indagine estremamente approfondita e questo sta portando ad evidenziare diversi casi. Dei casi evidenziati il 30% sono femmine, il 70% maschi. Abbiamo cinque decessi in Lombardia, l’ultimo dei quali era stato uno dei primi individuato positivo (di Castiglione D’Adda individuato al Sacco). Tutti con quadri clinici particolare e relativi a persone anziane.

L’assessore al Welfare ha fatto chiarezza sui numeri del contagio alle 17 di oggi, lunedì 24 febbraio 2020.

E’ un virus che si diffonde velocemente e che ha delle conseguenze principalmente in persone anziane e con patologie pregresse. Sottolineiamo anche che sono circolate una fake news a firma presidente Fontana e ministro della Salute circa un’ordinanza fasulla. Ancora più spiacevole nella zona rossa ci sono stati gli “sciacalli” che si sono introdotti nelle case delle persone dicendo che erano stati inviati per fare screening. Non fate entrare nessuno se voi non avete chiesto l’invio di qualcuno per farvi il tampone. Solitamente si presentano i carabinieri con un medico o un infermiere.

Ore 17.30: iniziata la conferenza stampa in  Regione Lombardia. Potete seguirla qui:


Ore15.30: In merito alla notizia diffusa dagli organi di stampa in relazione ad una morte agli Spedali Civili di Brescia, sentita la Direzione Sanitaria dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale, Regione Lombardia smentisce tale informazione, precisando che in tale struttura non si è verificato alcun decesso.

Ore 14.50 “Falsi addetti delle ATS si stanno presentando nelle case millantando di eseguire tamponi con
l’obiettivo di derubare le vittime. L’appello che rivolgiamo a tutta la popolazione e’ quello di non aprire le porte, ma di
avvertire subito le Forze dell’Ordine” Lo dichiara l’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale,
Riccardo De Corato commentando quanto sta accadendo in alcuni comuni del milanese e della bergamasca”.

“Speculare su quanto sta accadendo oggi e’ da sciacalli – conclude De Corato – per questo auspico che si possa far luce su queste truffe e auguro il massimo della pena ai delinquenti”.

LEGGI ANCHE: Attenzione agli sciacalli del Coronavirus: ti offrono test gratis, poi ti derubano

Ore 14.30: “Bisogna tenera alta l’attenzione, ma dico ‘no’ al panico, servono solo realismo e concretezza. Sono
convinto che i provvedimenti assunti ieri, che arrivano dopo consultazioni con esperti, scienziati e virologi per tentare di bloccare il contagio, siano sufficienti e corretti per  raggiungere lo scopo”.

Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. “Abbiamo notizie – ha aggiunto il governatore – di ‘intasamento’ al numero verde, cosi’ come si verificano criticita’ all’accesso del portale internet della Regione. Il tutto e’ causato, come potete immaginare, da un enorme e improvviso sovraffollamento. Chiedo ai cittadini che hanno bisogno di ‘informazioni’ sul Coronavirus di utilizzare il numero verde 800494545 e non il 112, onde evitare sovrapposizioni ad altre emergenze. Ribadisco che siamo al lavoro per cercare di superare il problema dell’intasamento della linea dedicata”. “Voglio tranquillizzare i cittadini: e’ inutile – ha concluso Fontana – la corsa ad accaparrarsi derrate alimentari, la distribuzione e’ garantita e assicurata”

Ore 13.15: E’ fissata per le 17 di oggi, lunedì 24 febbraio 2020, la conferenza stampa in Regione per fare il punto sui casi di Coronavirus in Lombardia.

Ore 13: A fare il punto della situazione sul contagio da Coronavirus dalla sede operativa del Dipartimento di Protezione Civile è il commissario Angelo Borrelli. I contagiati sono saliti a 219, mentre i deceduti sono saliti a cinque. L’ultimo decesso riguarda un 88enne di Caselle Landi, in provincia di Lodi. Uno il guarito.

La prima vittima del coronavirus è un 78enne residente in Veneto. Aveva già una forte polmonite ed è morto sabato. Il secondo decesso è invece quello di una 77enne, scomparsa nello stesso giorno, a Casalpusterlengo. La terza vittima è una donna di Crema, si tratta di una persona di 68 anni che era già ricoverata in reparto Oncologico a Cremona. E’ spirata domenica. In nottata è poi morto un 84enne a Bergamo e questa mattina si è spento un 88enne di Caselle Landi. Anche loro si trovavano in già critiche condizioni di salute.

Il virus, come hanno ribadito più volte i medici e gli esperti, colpisce con più violenza gli anziani e le persone che presentano pregressi problemi di salute.

I casi in Lombardia

In Lombardia i casi sono in totale 167, di cui 163 contagiati e 4 deceduti. In Veneto ci sono 27 casi, di cui un deceduto. In Emilia Romagna i casi sono 18, in Piemonte 4 (due casi sono stati esclusi perché risultati negativi a seguito di analisi), in Lazio ci sono 3 casi, tutti allo Spallanzani, tra cui quello della persona dimessa perché guarita.

Dei contagiati totali, 99 persone sono ricoverate con sintomi negli ospedali, 23 sono in terapia intensiva, mentre 91 sono in isolamento domiciliare.

focolai del virus sono rimasti due, quello del lodigiano, nella zona di Codogno, e quello veneto. Al Civile sono stati eseguiti tamponi su alcuni bresciani e solo nelle prossime ore si saprà se sono stati contagiati o meno dal Coronavirus. Si avrà anche l’esito del test effettuato a Chiari.

Le dichiarazioni del commissario Borrelli

“I controlli sono utili e importanti, ma c’è un periodo di incubazione col quale bisogna fare i conti – ha spiegato il commissario Borrelli – Nel momento in cui sono stati registrati i primi casi il Governo si è attivato. C’è in atto un coordinamento del sistema di Protezione Civile, è stato effettuato un Consiglio dei Ministri e tutti i dipartimenti sono coordinati. C’è da più parti l’esigenza di avere un coordinamento centralizzato: provvedimenti di singoli Comuni o territori provocano confusione. Il comando è in capo al Presidente del Consiglio dei Ministri, con la dichiarazione dello stato di emergenza”.

ORE:12.30: Salgono a cinque le vittime del virus Covid-19. Poco fa è stato comunicato il decesso di un 88enne di Caselle Landi, in provincia di Lodi.  Lo ha annunciato nel corso della quotidiana conferenza stampa, il capo della Protezione civile e commissario straordinario all’emergenza, Angelo Borrelli.

I contagiati salgono a 219 in tutto il Paese.

ORE 9.30: I casi accertati di Coronavirus in Italia salgono a 165, contando anche i decessi e chi era malato ma è poi guarito.  Sono invece 27 in Veneto, 16 in Emilia Romagna, tre in Piemonte, Lazio e Trentino Alto Adige.

ORE 9.00

Nella notte sono salite a 150 le persone contagiate da Coronavirus in Italia, di cui 112 in Lombardia. Purtroppo si è registrato anche il decesso di un uomo di 84 anni ricoverato all’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.
Rispetto all’ultimo aggiornamento di ieri sera sono dunque 38 i nuovi casi. Lo Comunica Regione Lombardia in una nota diffusa alle 9 di oggi, lunedì 24 febbraio 2020.

All’Ospedale Papa Giovanni di Bergamo ricoverate altre sei persone. LEGGI QUI LA NOTIZIA 

Per informazioni

Coloro che riscontrano sintomi influenzali o problemi respiratori non devono andare in pronto soccorso, ma devono chiamare il numero verde unico regionale 800.89.45.45 che valutera’ ogni singola situazione e spieghera’
che cosa fare. Per informazioni generali chiamare invece il 1500, numero di pubblica utilita’ attivato dal Ministero della Salute.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia