Menu
Cerca
Allarme truffe

«Sono un amico di suo figlio», poi le ruba i gioielli di una vita

Un'anziana brioschese vittima di un truffatore. E' l'ennesimo episodio nella zona

«Sono un amico di suo figlio», poi le ruba i gioielli di una vita
Cronaca Caratese, 10 Marzo 2021 ore 19:00

Ha circuito un’anziana facendo leva su quello che lei ha di più caro. «Sono amico di suo figlio», le ha detto, citando il nome di battesimo dell’uomo (carpito grazie alle targhetta sul citofono). La donna – ultraottantenne – gli ha così aperto le porte della sua casa dalla quale il ladro-truffatore è uscito poco dopo con le tasche piene di gioielli e contanti.

Anziana truffata

E’ spregevole quanto compiuto da un giovane tra i venticinque e i trent’anni, carnagione olivastra, nella prima mattinata di lunedì scorso, in via Donatello a Briosco, all’ingresso del paese. Parlando in italiano fluente, senza accenti particolari, ha spiegato all’anziana vittima di dover fare un piccolo lavoretto ai rubinetti. Quello che è successo nei minuti seguenti non è chiaro perchè il racconto dell’ottantenne, comprensibilmente turbata da quanto vissuto, non è preciso. Fatto sta che il ragazzo deve aver messo in atto la classica truffa dell’acqua, rompendo una fialetta di liquido maleodorante, imputando il fetore a un guasto delle tubature. A quel punto deve aver consigliato alla padrona di casa di radunare oro e contanti per evitare i possibili danni provocati dalle sostanze tossiche presenti nei tubi. Piano eseguito magistralmente, tanto da riuscire alla fine ad andarsene con un bel gruzzolo in danaro e i preziosi di una vita, dal valore economico, certo, ma anche sentimentale.
Sul caso indagano gli agenti della Polizia locale che sono sulle tracce del malintenzionato. Pare che lo stesso, dopo il colpo nel capoluogo, sia stato avvistato anche a Capriano. Sulla sua «testa» pende un’accusa pesante, quella di furto aggravato.

Opuscolo anti-truffe

Le truffe ai danni di anziani si stanno susseguendo ad un ritmo preoccupante in queste settimane. Per proteggere la frangia più vulnerabile della popolazione, e non solo, il Comune ha realizzato un opuscolo, finanziato grazie ai fondi ottenuti da Regione Lombardia. Diciotto pagine redatte dal sindaco Antonio Verbicaro con l’aiuto del comandante della Polizia locale Massimiliano Brunini: pronte da tempo, saranno mandate in stampa (3 mila le copie previste) e consegnate non appena la pandemia lo renderà possibile. Pandemia che ha bloccato anche il ciclo di incontri con esperti, dedicati alla prevenzione della microcriminalità, previsti a corollario del libretto.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Necrologie
Idee & Consigli