Cronaca
Vendita finita male

Spacca tutto in officina con una spranga, poi ferisce un carabiniere: arrestato

In manette un 32enne protagonista in negativo del parapiglia scoppiato ieri, martedì 16 novembre 2021, a Brugherio.

Spacca tutto in officina con una spranga, poi ferisce un carabiniere: arrestato
Cronaca Brugherio, 17 Novembre 2021 ore 16:57

Spacca tutto in officina con una spranga, poi ferisce un carabiniere: arrestato. In manette un 32enne protagonista in negativo del parapiglia scoppiato ieri, martedì 16 novembre 2021, a Brugherio.

Armato di spranga semina il panico in officina: arrestato

Come riportano i colleghi di PrimalaMartesana.it a incendiare l'animo del 32enne è stata una compravendita tra privati con il titolare di un'officina di Brugherio: in cambio della cessione di una moto ha ottenuto un'auto, che tuttavia (a detta di colui che sarebbe poi stato arrestato) presentava diversi problemi. Insomma, si è sentito fregato. Ed ecco allora che ha pensato (malissimo) di presentarsi in officina armato di spranga, iniziando a rompere tutto ciò che gli è capitato a tiro (mobili, finestre e pure la vetrata dell'attività) per poi inseguire la controparte agitando l'arma impropria. Il parapiglia è scoppiato attorno alle 13. E dopo la chiamata al 112, sul posto sono state inviate due gazzelle dei Carabinieri della Compagnia di Monza.

L'intervento dei Carabinieri: un militare ferito

I militari, una volta giunti sul posto, sono riusciti a evitare che la situazione degenerasse ulteriormente. Tuttavia, dopo essere stato disarmato, con un violento strattone il 32enne ha provocato la lussazione della spalla di un carabiniere, poi finito all'ospedale San Gerardo di Monza e dimesso con trenta giorni di prognosi. Sono quindi scattate le manette con l'accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Fermo convalidato in Tribunale, per lui l'obbligo di firma

Residente a Rosate, nel Milanese, il 32enne è comparso questa mattina, mercoledì 17 novembre 2021, al Tribunale di Monza per il processo per direttissima. Il fermo è stato convalidato: come misura cautelare il giudice ha ritenuto che fosse sufficiente quella dell'obbligo di firma.

Necrologie