Sportello d’ascolto per ragazzi e famiglie

Aperto al Centro culturale San Clemente grazie a un progetto di Decanato, Caritas, Pastorale giovanile e FeSTA

Sportello d’ascolto per ragazzi e famiglie
Caratese, 04 Febbraio 2019 ore 13:12

Un’opportunità di ascolto, discreto e gratuito, per preadolescenti, adolescenti e le loro famiglie che si trovano a vivere un periodo di particolare fragilità interiore, relazionale o progettuale. Arriva dallo sportello di counselling aperto a Besana, al Centro culturale San Clemente di Cazzano – così come a Carate (via Manzoni 12) e Robbiano (via Monte Santo) – nell’ambito del progetto “Le Ali”. Quest’ultimo nato dalla collaborazione tra Decanato, Caritas, Pastorale giovanile e FeSTA (Federazione Sportiva Tornei dell’Amicizia).

L’importanza dell’ascolto

Ad accogliere gli utenti ci sono due operatori con laurea in Psicologia e un coordinatore. Questi ultimi possono poi anche suggerire l’intervento di altre professionalità specifiche.
“Le Ali” è un nato in memoria di Angelo Fumagalli, esempio di dedizione a servizio del Decanato di Carate, in favore dei poveri accolti nei centri di ascolto Caritas e dei più piccoli incontrati attraverso lo sport in oratorio. E’ stato don Antonio Mazzi, presidente di Exodus, a tenere a battesimo l’iniziativa, nel corso della serata di presentazione dello scorso mercoledì, a “l’Agorà” di Carate.
“Non abbiate paura di usufruire di questa splendida iniziativa – l’invito del sacerdote – Non vedetela come una mancanza di voi genitori nell’educare i vostri figli, ma piuttosto come uno strumento di supporto. E’ normalissimo che un figlio di dieci anni dia problemi, sarebbe strano il contrario…”.
Per accedere allo sportello è necessario l’appuntamento. Ecco i riferimenti utili: www.le-ali.it, info@le-ali.it, 389-1590509.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia