Stupro di gruppo in Calabria, nei guai poliziotto monzese

TUTTI I DETTAGLI SUL GIORNALE IN EDICOLA E ANCHE NELL’EDIZIONE SFOGLIABILE ONLINE

Stupro di gruppo in Calabria, nei guai  poliziotto monzese
28 Settembre 2016 ore 17:37

Avrebbe dispensato «buoni» consigli al fratello per cercare di tirarlo fuori dai guai. Ma non solo non c’è riuscito – tanto che il fratello è finito in carcere con l’accusa di stupro di gruppo – ma pure lui è finito fra gli indagati. Antonino Schimizzi, 25 anni, è in forze da circa un anno al commissariato di Polizia di Stato cittadino di viale Romagna e si trova al momento regolarmente in serizio in base al principio della presunzione d’innocenza. Ma l’accusa piovuta sulle sue spalle è molto pesante: favoreggiamento, in relazione allo stupro di gruppo ai danni di una 13enne di Melito Porto Salvo, in Calabria, che ha destato scandalo a livello nazionale.

LA NOTIZIA SUL GIORNALE IN EDICOLA E ANCHE NELL’EDIZIONE SFOGLIABILE ONLINE PER, SMARTPHONE, TABLET E PC

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia