Sul Lambro il Festival delle lingue dialettali

Organizzato dalla "Casa della Poesia" e giunto alla sua terza edizione, l'evento ha riportato alla memoria le antiche storie legate al fiume monzese

Monza, 17 Giugno 2018 ore 18:45

Sul Lambro il Festival delle lingue dialettali e minoritarie: alla Passerella dei mercanti canzoni e storie antiche

Sul Lambro rivive la vecchia Monza. L’amore per il Lambro, custode da secoli della vita e delle tradizioni monzesi e brianzole, è stato al centro del «Festival europeo delle lingue dialettali e minoritarie» che si è aperto giovedì pomeriggio ai Musei civici a cura della «Casa della Poesia».

Ospite della manifestazione, presentata da Antonetta Carrabs ed Ettore Radice, il noto geologo Pompeo Casati, che accompagnato i presenti in un viaggio indietro nel tempo, attraverso i luoghi del fiume attorno ai quali si è sviluppata, fin dal ‘300, la città.

Un percorso emozionale

Il fotografo Rodolfo Zardoni e la poetessa Iride Enza Funari hanno invece presentato la mostra fotografica «Lambro. Un monologo», un suggestivo percorso emozionale fatto di suoni, versi e immagini che si è dipanato lungo tutto il corso del Lambro.

Sul Lambro gli attori di “Spazio di là”

In serata, alla Passerella dei mercanti, “La bella la va al Lamber – storie, memorie, canzoni sul Lambro”, una divertente performance dal vivo con gli attori del teatro “Spazio di là”, guidati dalla regista Luisa Gay, e cinque poliedrici coristi di Locate Triulzi.

Gli attori hanno evocato le storie antiche legate alla città e allo storico corso d’acqua: le regine longobarde, la nascita del fiume, e ancora le vecchie tradizioni, come il lavoro ingrato della filanda, le lavandaie al fiume, il vivace teatrino del mercato, le riunioni all’osteria.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia