Cronaca
Rassicurazioni

Tentano la truffa al telefono ma l'anziana se ne accorge e chiama la Polizia

Due agenti sono intervenuti a casa della donna per rassicurarla .Ne è nato un piacevole momento di condivisione di esperienze di vita

Tentano la truffa al telefono ma l'anziana se ne accorge e chiama la Polizia
Cronaca Brianza, 24 Dicembre 2022 ore 09:26

Ha ricevuto una telefonata alquanto insolita sul telefono fisso e ha intuito potesse trattarsi di una truffa così ha allertato la Polizia di Stato che è arrivata a casa dell'anziana signora per rassicurarla.

Tentano la truffa al telefono ma l'anziana se ne accorge e chiama la Polizia

Il tutto è accaduto nei giorni scorsi quando, poco prima delle 13, i poliziotti della Centrale Operativa della Questura di Monza e della Brianza hanno ricevuto una telefonata da parte della donna, una 84enne, la quale segnalava di aver subito un tentativo di truffa telefonica.

La signora ha riferito di essere stata contattata da un numero sconosciuto sulla propria utenza fissa pochi minuti prima. Dall’altra parte della cornetta c’era un uomo che, spacciandosi per un Maresciallo dei Carabinieri, le comunicava che la figlia, a seguito di sanzioni amministrative legate al codice della strada, si trovava in stato di fermo presso il loro comando e che fosse necessaria una somma di circa 6.000 € per liberarla.

L'intervento degli agenti

L’anziana, nonostante si fosse insospettita immediatamente per l’insolita richiesta e quindi avesse capito di non dover seguire le indicazioni ricevute dall’uomo, ha richiesto l’intervento di una volante della Polizia di Stato. I due poliziotti, una volta giunti presso l’abitazione della donna, l'hanno trovata in uno stato di forte agitazione.

Fortunatamente sono bastati pochi minuti di rassicurazione da parte dei due agenti e la donna ha subito ritrovato la calma e il sorriso.

I racconti e la foto ricordo

La donna, ormai messa a proprio agio, con occhi lucidi ha raccontato ai due giovani agenti alcune esperienze del suo passato, positive e negative, affrontate con la propria famiglia con quel poco di stipendio e pensione percepiti.

Visto l’orario, la signora ha anche cercato di offrire ai due poliziotti qualcosa da bere e da mangiare prima di tornare sulla volante per terminare il turno. Gli agenti hanno poi ripreso servizio sul territorio, non prima di aver scattato una foto ricordo con la signora per immortalare un piacevole momento di rassicurante condivisione con giovani poliziotti.

Seguici sui nostri canali
Necrologie