Terremoto in Romagna, scosse di assestamento per tutta la notte

Il sisma avvertito distintamente in molte zone del Centro Nord. 

Terremoto in Romagna, scosse di assestamento per tutta la notte
Brianza, 15 Gennaio 2019 ore 10:05

Una forte scossa di terremoto è stata registrata in Romagna questa notte tre minuti dopo la mezzanotte. Il sisma avvertito distintamente in molte zone del Centro Nord.

Terremoto

Il sisma, di magnitudo 4.6 con epicentro 11 chilometri a est di Ravenna e a 25 chilometri di profondità, è stato avvertito distintamente in molte zone del Centro Nord compresa la Lombardia e il Veneto.

In Emilia Romagna, Padova, Venezia e altri centri della zona, diverse persone sono scese in strada. Non si registrano feriti né danni ingenti a strutture.

Però Ravenna il primo cittadino, Michele de Pascale ha fatto sapere che sono stati segnalati danni di lieve entità, e che le scuole resteranno chiuse oggi in via precauzionale. Dalle scuole materne alle università, dunque, edifici chiusi a Ravenna per permettere ai tecnici di effettuare i sopralluoghi e verificare lo stato degli edifici pubblici.

LEGGI ANCHE: Scossa già ieri nella vicina Emilia

Scosse per tutta la notte

Scosse di assestamento dal magnitudo 1.1 al 3 sono state avvertite nelle ore a seguire: la più rilevante a Savio, in provincia di Ravenna, una ventina di minuti dopo la prima vera scossa.

Sono state sei le scosse che si sono susseguite dal primo terremoto della mezzanotte alle tre del mattino: a Porto Garibaldi nel ferrarese, a Savio, ma anche ad Accumoli, in provincia di Rieti, a Marina di Ravenna, Sant’Anna d’Alfaedo in provincia di Verona, e a Barete in provincia dell’Aquila.

Scossa alle 4 a Frontignano in provincia di Macerata, e poi ancora assestamenti nel ravennese, quattro scosse in provincia di Perugia (Nocera Umbra, Pregi, Monte Patino, Gubbio). L’ultima scossa è stata sentita alle 8.35 a Comunanza in provincia di Ascoli Piceno.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia