Cronaca

Terrorismo espulso per la seconda volta un tunisino residente a Vimercate

Avevamo già parlato di lui nel 2015. Ora il nuovo rimpatrio.

Terrorismo espulso per la seconda volta un tunisino residente a Vimercate
Cronaca Vimercatese, 07 Marzo 2018 ore 15:36

Terrorismo espulso per la seconda volta un tunisino residente a Vimercate. Era già stato rimpatriato nel 2015 con un provvedimento ad hoc da parte dell'allora ministro Alfano.

Terrorismo riespulso un tunisino residente a Vimercate

Espulso, rientrato in Italia con un barcone di fortuna, e ora nuovamente rimpatriato. La vicenda riguarda Kaled Ben Hamida, oggi 41enne. Dell'uomo avevamo già parlato nel 2015: per diverso tempo infatti il tunisino era stato residente nelle case popolari di via Cadorna a Vimercate e proprio un paio di anni fa era stato già arrestato ed espulso una prima volta. Aveva infatti avuto contatti con un suo connazionale foreign fighter, localizzato in Siria e aveva esternato sentimenti di odio nei confronti dell'Italia e la disponibilità a compiere un gesto eclatante.

Nuovo sbarco e rimpatrio

Il 41enne è stato individuato nuovamente lo scorso 24 giugno mentre tentava di rientrare in Italia insieme ad altri migranti e portato in carcere - visto che doveva scontare una pena di 7 mesi per furto aggravato e produzione di sostanze stupefacenti. Al termine della custodia cautelare Hamida è stato quindi portato al Centro per rimpatri di Torino e imbarcato sul volo diretto ad Hammamet.

La vicenda del 2015

Di Hamida, come accennato poco sopra, avevamo già parlato nel 2015 . L'allora 39enne era finito sul Giornale di Vimercate perché in diverse intercettazioni telefoniche aveva dichiarato di odiare l’Italia, di volere il martirio e di essere pronto ad uccidere l’ex consorte italiana rea di far crescere i figli secondo la fede
cristiana. Preso dalla Digos, era stato messo su un aereo per Tunisi. Ora il nuovo decreto di espulsione.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie