Cronaca

Tragedia di Ornago, l'avvocato dei parenti di Paolo Villa risponde al sindaco

Dopo la replica del Comune ora è arrivata la risposta dell'avvocato dei parenti di Paolo Villa.

Tragedia di Ornago, l'avvocato dei parenti di Paolo Villa risponde al sindaco
Cronaca Vimercatese, 27 Marzo 2018 ore 16:34

Tragedia di Ornago, l'avvocato dei parenti di Paolo Villa risponde al sindaco. Due settimane fa il Giornale di Vimercate aveva pubblicato in esclusiva la lettera dei parenti di Paolo Villa (clicca qui per saperne di più). A distanza di qualche giorno la replica del Comune. Ora, la risposta dell'avvocato Cristina Biella dopo il comunicato pubblicato sul sito internet di Ornago.

L'avvocato Cristina Biella risponde al sindaco

“L’amministrazione di Ornago, già rea di non aver contribuito minimamente al collocamento di Paolo Villa presso la RSA di Ornago, si renda ulteriormente colpevole di un attacco ingiustificato, infondato, sterile e vacuo nei confronti dei parenti di Paolo. Parenti che, non usufruendo di canali istituzionali quali il sito del Comune di Ornago, hanno rivolto dei sentiti e sinceri ringraziamenti attraverso le testate giornalistiche, affinchè tali ringraziamenti potessero raggiungere l’intera comunità in un unico abbraccio sincero. L’amministrazione di Ornago, infatti, ha utilizzato, per rivolgere ridicole accuse, lo strumento del comunicato “da pubblicarsi esclusivamente sul sito istituzionale di Comune di Ornago”, come se ciò lo rendesse “meno pubblico” o come se i cittadini non avessero il diritto di conoscere o la stampa, la cui libertà va difesa a beneficio della comunità, il diritto di pubblicare ciò che, attraverso la pubblicazione sul sito comunale, è di per sé già pubblico. Occorre allora ricordare all’amministrazione di Ornago che dallo scivolone istituzionale a quello umano il passo è breve. Coloro che decantano la necessità di dialogo e confronto con i famigliari, sono i primi a mostrare il loro vero volto e a disvelare l’assoluta mancanza di umanità, dialogo ed attenzione che qualsiasi cittadino certamente merita di avere, a maggior ragione Paolo, che si è prodigato per tutta la vita per la comunità ornaghese. Il trattamento inumano, asettico e disinteressato dell’amministrazione nei confronti dell’intera vicenda ha trovato, con il comunicato pubblicato sul sito del comune, il suo consequenziale compimento”.

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie