Trezzo: auto cerca di beffare il dissuasore mobile e finisce per speronarlo LE FOTO

Il dissuasore mobile fa passare l’ambulanza, ma non l’auto che seguiva. Il fatto è avvenuto questa mattina nei pressi dell’incrocio con via Gramsci

Trezzo: auto cerca di beffare il dissuasore mobile e finisce per speronarlo LE FOTO
08 Novembre 2017 ore 21:40

Ancora una volta il dissuasore mobile in via Mazzini a Trezzo per garantire l’incolumità degli spazi pedonali è servito.

Il dissuasore mobile fa passare l’ambulanza, ma non l’auto che seguiva

Il fatto è avvenuto oggi, martedì, alle 8.45 nei pressi dell’incrocio con via Gramsci. In un momento critico, ovvero, l’ingresso degli alunni nella vicina scuola elementare “Ai nostri caduti”. Il dissuasore mobile si è abbassato correttamente al passaggio di un mezzo di soccorso che procedeva a sirene spiegate. Dopodiché, nel ritornare nella posizione originaria, segnalata dalla luce rossa del semaforo, bloccava il transito a un veicolo. Questi, per disattenzione, nonostante la segnaletica verticale e luminosa, imboccava via Mazzini e ci finiva contro.

L’incidente è stato immortalato dalle videocamere

Segnalato alla Polizia Locale da un operatore addetto al passaggio degli scolari, l’incidente è stato rilevato da un’agente intervenuta subito dopo l’accaduto. La conducente dell’autovettura, residente a Vimercate, ha dichiarato al funzionario pubblico di essere transitata con il segnale luminoso indicante luce verde. Ma è stata smentita perché dalla analisi dei filmati della videosorveglianza è emerso chiaramente che, al momento del transito dell’autovettura, c’era luce rossa. Fortunatamente il dissuasore ha retto l’urto. E ha impedito al veicolo di proseguire la marcia e di invadere la via che in quel frangente si presentava gremita di genitori, nonni e accompagnatori dei bambini che da poco erano entrati a scuola.

Il dissuasore mobile ha evitato il peggio

“La disattenzione, una delle principali cause di incidente stradale, poteva costare caro in termini di incolumità personale – ha commentato la comandante Sara Bosatelli –  Fortunatamente l’unico a pagare, e solo dal punto di vista economico, è stato il conducente del veicolo”. E alle sue parole hanno fatto eco quelle dell’assessore alla Sicurezza Silvana Centurelli. “I conducenti sono tenuti a prestare particolare attenzione alla segnaletica in particolare in prossimità delle scuole negli orari di entrata e di uscita degli alunni – ha detto – Per fortuna erano attivi i sistemi di sicurezza degli impianti di segnaletica che hanno consentito di evitare il peggio. Anche in questo caso (PER APPROFONDIRE) il sistema attivo di videosorveglianza è stato inoltre molto utile consentendo di risalire all’esatta dinamica del sinistro”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia