Tribunale in affanno: in aiuto arrivano le Fiamme gialle in pensione

La carenza di personale anche in Procura è ormai una vera emergenza

Tribunale in affanno: in aiuto arrivano le Fiamme gialle in pensione
Cronaca 28 Settembre 2017 ore 16:39

Tribunale in affanno: in aiuto arrivano le Fiamme gialle in pensione

Carenza di personale

La carenza di personale in Tribunale e in Procura è ormai una vera emergenza: manca il 40% della forza lavoro ideale per svolgere le normali attività. E allora che fare? L’idea del presidente del Tribunale Laura Cosentini, perfezionata con il vicario Giuseppe Airò, è questa: accettare l’offerta d’aiuto del mondo del volontariato.

I membri dell’Anfi

In passato erano già arrivati in piazza Garibaldi lavoratori rimasti senza occupazione e in cassaintegrazione, ma questa volta ad aiutare cancellieri, assistenti e funzionari ci saranno volontari ancora più preparati.
Stiamo parlando dei membri dell’Anfi, ovvero l’associazione dei militari della Guardia di Finanza in congedo.
Dal 15 settembre sono attivi, per due terzi in Tribunale, il resto in Procura. Dodici in totale, ciascuno presta servizio per due volte la settimana.
Tribunale in affanno

La firma della convenzione

La convenzione è stata stipulata il 21 luglio e a firmare, oltre al presidente Cosentini per il Tribunale e al procuratore capo Luisa Zanetti per la procura, è stato anche il sindaco Dario Allevi, perché il Comune ha garantito la copertura assicurativa e i rimborsi per i volontari.
Oggi, alla presentazione del progetto, c’erano anche il comandante delle Fiamme gialle monzesi, colonnello Massimo Gallo e il presidente della sezione locale Anfi, tenente colonnello Michele Buccella, oltre alla dirigente del Tribunale Elena Ferraro e ai militari volontari D’Amico e De Giovanni.

Il commento di Cosentini e Zanetti

“Grazie, grazie grazie – hanno sottolineato Cosentini e Zanetti – Un contributo determinante, perché siamo in una situazione di difficoltà grave, alla quale il Ministero non riesce a dar sfogo. Disagi interni che si ripercuotono sull’utenza: molti uffici sono bloccati, come quello per il rilascio dei certificati penali, essenziali per poter sostenere un concorso, ad esempio”.
Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità