Truffa telefonica del finto incidente, 85enne non ci casca

Due uomini hanno cercato di spillare all'anziana donna i soldi per una fantomatica cauzione per aiutare il figlio nei guai.

Truffa telefonica del finto incidente, 85enne non ci casca
Seregnese, 02 Dicembre 2018 ore 09:15

Truffa telefonica del finto incidente, 85enne non ci casca.

Truffa telefonica del finto incidente

“Signora, suo figlio ha avuto un incidente”. E’ iniziata così, venerdì mattina, la telefonata a una donna di 85 anni che vive in centro a Cesano Maderno. Era l’ennesimo tentativo di spillare soldi ad anziani, messo in atto da truffatori senza scrupoli. Un tentativo fallito. La donna, facendo sue le continue raccomandazioni della Compagnia dei carabinieri di Desio, ha mangiato la foglia e ha chiuso la conversazione telefonica.

“Siamo i carabinieri…”

“Siamo i carabinieri – si è presentata la voce sconosciuta, indicando anche una caserma della zona – e chiamiamo perché suo figlio ha causato un incidente stradale e adesso ha bisogno di parecchi soldi…”. La donna non ha abboccato e, senza farsi prendere dall’agitazione, ha chiesto di poter parlare con il figlio. A questo punto è entrato in azione il complice del truffatore, che ha cercato di mascherare la voce per trarre in inganno l’ottantacinquenne. Ma la signora ha intuito di non essere davvero al telefono con il figlio, e ha chiuso la conversazione.

L’anziana donna ha presentato denuncia ai carabinieri

La truffa del finto incidente prevede sempre lo stesso copione: gli impostori telefonano a casa delle vittime facendo credere loro che i figli sono rimasti coinvolti in un incidente stradale e sono stati trovati senza copertura assicurativa. Da qui la richiesta di contanti per pagare una fantomatica cauzione. A Cesano Maderno, come detto, la truffa non è riuscita. La vittima mancata venerdì pomeriggio ha segnalato quanto successo la mattina, intorno alle 11.30, ai carabinieri della Tenenza cittadina. Indagini in corso.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia