Truffe agli anziani, due episodi a Meda in pochi giorni

Un anziano è stato raggirato da un finto tecnico dell'acqua, una 77enne da presunti rappresentanti delle Forze dell'Ordine.

Truffe agli anziani, due episodi a Meda in pochi giorni
Seregnese, 13 Febbraio 2020 ore 13:10

Truffe agli anziani, due episodi a Meda in pochi giorni.

Truffe agli anziani a Meda

Truffatori in azione nei giorni scorsi a Meda, dove si sono verificati due episodi ai danni degli anziani. Nel primo caso un uomo, fingendo di essere un tecnico dell’acqua, ha chiesto a un 81enne, solo in casa, di poter entrare. Una volta dentro l’appartamento, il malvivente con la scusa di effettuare un controllo, ha invitato l’anziano a riporre oro e oggetti di valore in disparte. A quel punto, approfittando di un momento di distrazione della vittima, si è impossessato del bottino, allontanandosi di corsa per raggiungere un complice che lo attendeva in auto poco lontano.

Anziana raggirata

Un altro caso ha visto coinvolta una donna 77enne, che rincasava in bicicletta quando è stata avvicinata da due persone in borghese, che si sono dichiarate appartenenti alle Forze dell’Ordine. I due le hanno
chiesto di entrare nell’abitazione per accertare se si fosse verificato un furto con scasso alla cassaforte. La donna, tratta in inganno, ha consegnato ai malintenzionati la chiave della cassetta di sicurezza. Impossessatisi di numerosi gioielli e di circa 2mila euro in contanti, gli individui si sono dati alla fuga. Da parte dei Carabinieri sono in corso le indagini per identificare i responsabili, che non si esclude possano essere gli stessi in entrambi i casi.

Le raccomandazioni dei Carabinieri

I Carabinieri raccomandano di prestare sempre la massima attenzione e di adottare alcune precauzioni, indispensabili per non cadere in questi raggiri: non fidarsi delle apparenze, evitando di aprire agli sconosciuti specialmente se si è soli in casa. Meglio ricorrere all’assistenza di un familiare, se possibile, e comunque non esitare a comporre il 112 in caso di dubbio. Proprio a Meda, tra l’altro, qualche mese fa l’Arma aveva avviato un progetto sperimentale per mettere in guardia gli anziani, con i Carabinieri che sono andati porta a porta dai soggetti più fragili per fornire suggerimenti (LEGGI QUI LA NOTIZIA).