Tumore al seno, anche nel 2019 screening gratuiti in Brianza: ecco per chi

In Brianza, nel 2017, sono state 53.430 le donne invitate allo screening con 30.164 adesioni.

Tumore al seno, anche nel 2019 screening gratuiti in Brianza: ecco per chi
Caratese, 25 Gennaio 2019 ore 09:07

Tumore al seno, anche nel 2019 screening gratuiti in Brianza: ecco per chi. E’ importante effettuare periodicamente e con costanza i controlli.

Tumore al seno, anche nel 2019 screening gratuiti in Brianza

Anche per il 2019 le donne di un’età compresa tra i 50 e i 74 anni, residenti nel territorio dell’ATS della Brianza, potranno sottoporsi allo screening mammografico gratuito.

“I dati del 2017 ci dicono che su 22.636 donne invitate allo screening in provincia di Lecco ci sono state 13.921 adesioni (75% di adesione corretta). Per quanto riguarda la Brianza, sempre nel 2017, abbiamo avuto 53.430 donne invitate allo screening con 30.164 adesioni (64% di adesione corretta)” spiega la dottoressa Silvia Lopiccoli, Direttore del Servizio Medicina Preventiva di Comunità Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria dell’ATS, che ricorda come “grazie ai progressi della ricerca, la sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi ha raggiunto l’87% negli ultimi vent’anni”.

L’importanza della prevenzione

Se aderire alla prima chiamata per lo screening mammografico è importante, è essenziale proseguire con la prevenzione: “L’attività di prevenzione della nostra ATS prevede l’invito a sottoporsi allo screening gratuito ogni due anni: quindi ogni due anni è importante per le donne non mancare a questo importante appuntamento con la propria salute”, conclude la dottoressa Lopiccoli.

L’incidenza

Il cancro al seno colpisce una donna su otto nell’arco della vita ed è il tumore più frequente nel genere femminile; per questo è fondamentale rispondere all’apposita lettera inviata ogni due anni dall’Agenzia di Tutela della Salute per effettuare la mammografia.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia