Dramma

Uccide i due figli dopo aver mandato un messaggio alla moglie

Una tragedia avvenuta in Valsassina che colpisce duramente la Martesana

Uccide i due figli dopo aver mandato un messaggio alla moglie
Brianza, 27 Giugno 2020 ore 12:05

Padre uccide i due figli dopo aver mandato un messaggio alla moglie. Una tragedia avvenuta in Valsassina che colpisce duramente la Martesana.

Padre uccide i suoi due figli

Orrore in alta Valle, nel Lecchese: padre uccide i due figli, un maschio e una femmina. E’ successo questa mattina, sabato 27 giugno 2020, a Margno. E a ritrovare i corpi dei due figli sarebbe stata madre che nella disperazione ha chiesto aiuto, purtroppo inutilmente. La donna avrebbe ricevuto dal marito un messaggio allarmante e sarebbe partita da Gorgonzola (provincia di Milano), dove abita, per raggiungere i figli. Poi l’agghiacciante scoperta.  La tragedia si è consumata in un condominio nei  pressi della funivia dove la famiglia di villeggianti, residente nel Milanese, aveva un appartamento. L’allarme è scattato una manciata di minuti prima delle 9. Sul posto sono intervenuti i volontari della Croce Rossa di Premana, mentre l’Agenzia Regionale di Emergenza e urgenza ha dirottato l’eliambulanza decollata da Como. Ma tutto è stato inutile. Ai sanitari non è rimasto che il triste compito di constare il decesso dei due ragazzini.

L’uomo si è allontanato dal luogo del delitto

Dopo l’orrendo delitto l’uomo sarebbe salito in auto e si sarebbe allontanato. Non è escluso che abbia deciso di togliersi la vita. In questo momento, a Cremeno, sono in corso le ricerche di un uomo che sarebbe precipitato dal ponte della Vittoria. Le due tragedie potrebbero essere strettamente collegate. Sia a Margno, teatro dell’omicidio, che a Cremeno, sono intervenuti i Carabinieri, che stanno tentando di ricostruire cosa sia successo e cosa abbia spinto il padre, in un tragico raptus, a infierire fatalmente sulle sue creature.

TORNA ALLA HOME PAGE 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia