Cronaca
“Maria Maddalena Penitente”

Un altro dipinto recuperato dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale

L’opera era stata rubata da un’abitazione privata di Milano nel corso di un ingente furto avvenuto nell’agosto del 1975.

Un altro dipinto recuperato dai Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale
Cronaca Monza, 29 Maggio 2021 ore 10:20

Il dipinto a olio su tavola “Maria Maddalena Penitente” risalente al Seicento è stato recuperato a Monaco di Baviera dai Carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Monza. L’opera era stata rubata da un’abitazione privata di Milano nel corso di
un ingente furto avvenuto nell’agosto del 1975.

I Carabinieri per a Tutela del Patrimonio Culturale recuperano un dipinto del 1600

Il recupero dell’opera, delle dimensioni di 67x52 cm, è stato possibile grazie alle attività di controllo e alle mirate verifiche che il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale (TPC) svolge sui cataloghi d’asta nazionali ed esteri. L’indagine era stata avviata nel 2016 dai Carabinieri monzesi su segnalazione dei militari della Sezione Elaborazione Dati del Comando TPC, che gestisce la “Banca Dati dei beni culturali illecitamente sottratti”, il più grande database di opere d’arte rubate al mondo. I Carabinieri del Reparto specializzato dell’Arma avevano individuato il bene su un catalogo di una nota casa d’aste bavarese che lo offriva da una base di partenza di 15.000 euro.

L’attività investigativa, prontamente avviata dal Nucleo brianzolo, ha portato al deferimento in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano per il reato di riciclaggio di un commerciante d’arte emiliano. Il rimpatrio dell’opera da Monaco di Baviera è avvenuto, alla presenza del Procuratore Capo della Repubblica della città tedesca e del Console Generale italiano, dottor Enrico De Agostini, al termine dell’attività di cooperazione internazionale giudiziaria con la Procura di Monaco, attraverso lo strumento giuridico dell’“Ordine Europeo di Indagine”.

L’autorità giudiziaria milanese, che ha diretto l’attività investigativa, ha disposto la restituzione agli eredi del denunciante.
E’ il secondo rimpatrio dalla Germania di un bene culturale nel giro di pochi mesi: a dicembre dello scorso anno, il Nucleo TPC di Monza aveva riportato in Italia un altro bene d’arte, anch’esso posto all’incanto da una casa d’aste di Monaco di Baviera, asportato sempre nel 1975 da un’abitazione di Calco (CO).

Necrologie