L'idea

Un concorso di idee tra gli studenti per riqualificare le mura della scuola

Quelle dell'Istituto Gandhi di Besana in Brianza. La proposta arriva dall'assessore all'Istruzione e dal consigliere Corbetta

Un concorso di idee tra gli studenti per riqualificare le mura della scuola
Caratese, 15 Ottobre 2020 ore 08:33

I muri dell’Istituto Gandhi di Villa Raverio sono pieni di scritte. Come pulirli, colorarli e fare in modo che non vengano di nuovo rovinati? Coinvolgendo i ragazzi. E’ l’idea nata a Besana e sottoposta alla Provincia.

Lettera alla provincia

Una collaborazione tra la Provincia di Monza e Brianza e il Comune di Besana Brianza con l’obiettivo di realizzare un concorso di idee tra gli studenti per la riqualificazione artistica delle mura dell’Istituto Statale Superiore Gandhi di Villa Raverio. E’ la proposta che arriva dall’Assessore all’Istruzione Luca Viviani e dal consigliere regionale (e comunale) Alessandro Corbetta che hanno scritto in proposito una lettera indirizzata al presidente della Provincia di Monza e Brianza, Luca Santambrogio, in quanto l’edificio è di proprietà provinciale.

“Il degrado dei muri del Gandhi – spiegano i due rappresentanti del Carroccio besanese – è un problema molto sentito dai cittadini.  Le mura dell’Istituto sono infatti prese continuamente di mira con scritte e graffiti di qualsiasi genere. Per eliminare questo degrado, la nostra idea è di realizzare quindi dei murales artistici a tema, creati dagli stessi studenti. Siamo convinti che una riqualificazione di questo tipo finirebbe per scoraggiare nuovi episodi di vandalismo e abbellirebbe la comunità di Villa Raverio”.

“Da una prima interlocuzione con la Dirigenza Scolastica – continuano Corbetta e Viviani – riteniamo che la soluzione dei murales verrebbe accolta favorevolmente e lo stesso vale per il presidente Santambrogio: attendiamo quindi dalla Provincia indicazioni su come procedere in questa direzione”.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia