Un kit di benvenuto per i neonati di Seregno

Partnership fra il Comune e tutte le farmacie, pubbliche e private, per un utile omaggio alle famiglie con un pargoletto

Un kit di benvenuto per i neonati di Seregno
Seregnese, 01 Febbraio 2019 ore 09:17

Un kit di benvenuto per i neonati di Seregno. Il pacco dono è un’iniziativa nata dalla fattiva collaborazione fra l’Amministrazione e tutte le farmacie, pubbliche e private, della città.

Pacco dono per i neonati del 2019

Un messaggio di auguri e un pacco dono per i seregnesi che sono nati o nasceranno nel 2019. E’ un’iniziativa dell’Amministrazione come segno di attenzione verso le famiglie. Nel “kit bimbi” una selezione di prodotti per la prima infanzia raccolti in una borsa appositamente realizzata per l’iniziativa.

I prodotti in omaggio

Il “kit bimbi” prevede un contenitore latte multiuso, una confezione di salviettine detersione seno, una confezione di coppette assorbilatte, un succhietto, una confezione di salviettine per il cambio, un pacco di pannolini, un tubetto di pasta per il cambio, un flaconcino di liquido dermotergente, buoni sconto per un tiralatte e per un cuscino da allattamento.

Anche un opuscolo di informazione sanitaria

Insieme al pacco dono alle famiglie dei neonati verrà consegnato un opuscolo, anche questo realizzato per  l’occasione, con una informativa per promuovere l’allattamento al seno dei neonati. “Riteniamo che l’attenzione al mondo dell’infanzia sia anche un dovere istituzionale e non semplicemente una manifestazione di sensibilità e di empatia” commenta Laura Capelli, assessore alle Politiche sociali.

Il sindaco ringrazia le farmacie

Il sindaco, Alberto Rossi, ringrazia tutte le farmacie, pubbliche e private, della città “per la disponibilità e la generosità che hanno mostrato affiancandoci in questa iniziativa. Ancora una volta hanno confermato in modo fattivo e concreto il proprio ruolo di presidio sanitario e sociale sul territorio”.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia