“Una manovra contro il popolo”: mobilitazione dei pensionati contro il Governo VIDEO

Presidio sotto la Prefettura per protestare contro i tagli alla rivalutazione delle pensioni

“Una manovra contro il popolo”: mobilitazione dei pensionati contro il Governo VIDEO
Monza, 28 Dicembre 2018 ore 14:25

“Una manovra contro il popolo”: mobilitazione dei pensionati contro il Governo

Sindacati in piazza contro una manovra che “con una mano sembrerebbe dare, ma con l’altra di sicuro toglie”. Questa mattina decine di pensionati e pensionate si sono trovati in via Prina, a Monza, sotto la Prefettura, per protestare contro i tagli alla rivalutazione delle pensioni previsti dalla manovra finanziaria messa a punto dal Governo gialloverde.

Iniziative simili sono state promosse anche a Milano, Varese, Lecco e Mantova. I motivi della protesta sono stati illustrati da una delegazione sindacale al viceprefetto Corrado Conforto Galli. La delegazione era composta da Pietro Albergoni, Giuseppe Saronni e Claudio Coloretti, rispettivamente segretario generale di Spi Cgil Monza Brianza, segretari Fnp Cisl Monza Brianza Lecco e Uilp Uil Monza Brianza.

«Il viceprefetto – hanno spiegato – si è impegnato a trasmettere le nostre richieste al Ministero e al Governo». Durante l’incontro è stata anche sottolineata da parte sindacale l’importanza di trovare una soluzione alla già discussa tassazione sulle imprese no profit, contenuta appunto nella manovra economica. Le critiche dei sindacati si concentrano comunque sul nuovo «raffreddamento dell’indicizzazione delle pensioni».

Alcuni effetti negativi di questa novità sono stati sintetizzati in un documento. “Chi oggi riceve una pensione fino a 1.522 euro lordi al mese, pari quindi a tre volte il minimo, potrà continuare a contare sul 100% di rivalutazione legata all’inflazione. Per gli altri pensionati che percepiscono assegni superiori, il nuovo meccanismo introdotto dalla manovra prevede una stretta che comporterà una perdita da 65 e 325 euro lordi all’anno a partire dal 2019 e per il resto della vita”.

Al presidio monzese hanno preso parte anche Elena Lattuada, segretaria generale Cgil Lombardia, Rita Pavan e Angela Mondellini, rispettivamente segretarie generali Cisl Monza Brianza Lecco e Cgil Monza Brianza. Ma era presente anche l’ex sindaco di Monza del Partito Democratico Roberto Scanagatti.

“Quella che doveva essere la manovra del popolo è diventata la manovra contro il popolo, soprattutto contro il popolo che fa più fatica, ovvero quello dei pensionati – ha spiegato l’ex Primo cittadino – Questo è uno degli atti di un Governo che va cercando qua e là mance elettorali. E’ necessario tornare in piazza”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia