interventi del 112

Una nottata di aggressioni e incidenti in Brianza SIRENE DI NOTTE

Soccorritori in azione a Monza, Bovisio, Besana, Giussano e Sovico

Una nottata di aggressioni e incidenti in Brianza SIRENE DI NOTTE
Cronaca Brianza, 06 Agosto 2020 ore 08:57

Nottata intensa per i soccorritori in Brianza, intervenuti per una serie di aggressioni e incidenti da Monza a Giussano, passando per Bovisio e Besana

Mercoledì notte

La nottata è iniziata alle 20.08 al centro sportivo di via Micca di Sovico dove un bambino di dieci anni è caduto rovinosamente al suolo, rendendo necessario il suo trasporto all’ospedale di Carate. Pochi minuti dopo, alle 20.15, in viale Kennedy a Besana c’è stato un incidente tra due automobili: soccorsi da un’ambulanza i due feriti, un uomo di 30 anni e una donna di 39, sono stati portati al San Gerardo ma non in gravi condizioni. Altro incidente, poco prima delle 20.30, a Bovisio Masciago in via Maragoni: anche in questo caso a scontrarsi sono state due vetture e una donna di 33 anni è stata portata all’ospedale di Desio. L’ora intensa si è conclusa in via Azzone Visconti a Monza, poco prima delle 21: un ragazzo di 27 anni aveva alzato un po’ troppo il gomito e se ne è reso necessario il trasporto al San Gerardo in codice giallo. Dopo le 22 sono state registrate due aggressioni: la prima in via Diaz a Giussano che ha portato al ferimento di un ragazzo di 27 anni portato all’ospedale di Carate, la seconda in via Vespucci a Monza e a essere costretto a ricorrere alle cure mediche è stato un uomo di 41 anni

Giovedì notte

Il nuovo giorno è stato, invece, relativamente più tranquillo, con tre interventi, tutti per malori. Il primo, poco prima di mezzanotte e mezza, in via Cantore a Monza ha coinvolto un ragazzo di 22 anni portato al San Gerardo, il secondo, venti minuti prima dell’1, in via Comasinella a Bovisio ha interessato un adolescente di 16 anni che è stato trasportato all’ospedale di Desio, mentre il terzo alle 4 a Biassono ha interessato una donna di 70 anni per la quale però non è stato necessario il trasferimento in ospedale

TORNA ALLA HOME PAGE 

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità