Cronaca
A Seregno

Va in aiuto al figlio dopo una lite al bar e accoltella l'amico

E' successo nella notte a Seregno, denunciato un 55enne di Meda.

Va in aiuto al figlio dopo una lite al bar e accoltella l'amico
Cronaca Seregnese, 11 Settembre 2021 ore 12:57

Litiga con l'amico in un bar di piazza Roma a Seregno, chiama il padre che interviene in suo aiuto e accoltella il ragazzo. Denunciato un 55enne di Meda.

Litiga con l'amico e chiama il padre per soccorrerlo

Attorno alla mezzanotte tra venerdì 10 e sabato 11 settembre 2021, a Seregno all’interno di un bar di piazza Roma, al termine di una serata trascorsa insieme, due amici di 21 e 26 anni hanno litigato animosamente per un diverbio scaturito per futili motivi. Il 26enne, vista anche l’imponente stazza dell’amico, ha quindi chiamato il padre per soccorrerlo.

Il padre accoltella l'amico 21enne

Giunto in piazza a bordo di una Fiat 500L bianca, l’uomo ha individuato subito il 21enne e non ha esitato a rincorrerlo con ferocia, farlo cadere a terra e colpirlo ripetutamente con un’arma bianca – verosimilmente da taglio – fin quando, il tempestivo intervento di alcuni avventori ha permesso di scongiurare ulteriori e gravi conseguenze che hanno immediatamente attivato il “112”.

Il ragazzo è stato portato in ospedale in codice giallo

Dolorante e sanguinante, il 21enne è stato soccorso dai sanitari del “118” che lo hanno trasportato in “codice giallo” al Pronto soccorso dell’ospedale San Gerardo di Monza dove, al termine delle cure del caso è stato dimesso con una prognosi di 12 giorni per la ferita lacero contusa riportata su un arto inferiore, oltre a svariate contusioni, riportate anche al volto.

I Carabinieri hanno denunciato il padre, un 55enne di Meda

I Carabinieri della Compagnia di Seregno, intervenuti in forza con le varie pattuglie in turno, raccolti subito i primi indizi, hanno immediatamente appurato quanto accaduto e sono risaliti subito all’identità dell’uomo che, rintracciato nella propria abitazione di Meda, alla vista dei militari della Sezione Operativa, ha ammesso le proprie responsabilità sull’accaduto affermando che si era reso responsabile di aver colpito il 21enne poiché quest’ultimo, durante la lite, avrebbe colpito il figlio con una testata al volto. L’uomo, un 55enne di origini campane già conosciuto alle Forze dell'ordine per svariati precedenti in materia di reati contro il patrimonio e la persona, è stato quindi denunciato per lesioni personali aggravate.

Necrologie