Ventenne senza patente si schianta contro una concessionaria di Monza, poi finge il furto dell’auto

Il giovane è stato denunciato per simulazione di reato

Ventenne senza patente si schianta contro una concessionaria di Monza, poi finge il furto dell’auto
03 Maggio 2017 ore 17:22

Ventenne senza patente si schianta contro il cancello di una concessionaria. Poi va dai Carabinieri per denunciarne il furto. Protagonista della vicenda è S.V., un ragazzo residente Sesto San Giovanni, che sabato scorso ha pensato bene di passare la serata effettuando una serie di testacoda per poi finire dritto contro la cancellata della concessionaria che si trova all’incrocio tra via Toniolo e via Monte Grappa, a San Rocco, Monza.

I fatti

Erano circa le 2.30 di notte e il giovane era al volante della sua Mitsubishi L200 e stava sfrecciando lungo via Monte Grappa. A bordo c’erano due amici. A un certo punto ha iniziato a effettuare tutta una serie di testacoda. Solo che ha perso il controllo del veicolo ed è andato a schiantarsi contro il cancello della concessionaria. Nell’impatto l’auto si è completamente distrutta: gli airbag sono esplosi, così come le ruote, mentre il parabrezza è andato in frantumi. Illesi sia il conducente che i due passeggeri che, nonostante l’urto, sono riusciti a uscire dall’abitacolo e a scappare verso via Carnia.

Il lavoro della Polizia Locale

Sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia Locale che hanno effettuato i rilievi del caso. Al loro arrivo, nessuna traccia del responsabile. All’interno del veicolo hanno trovato degli spinelli e poco altro. Nessun segno di scasso o altri elementi che lasciassero pensare a un furto. Solo che gli agenti, poco convinti, non si sono fermati lì. Il giorno successivo hanno controllato nel registro dei veicoli rubati. E hanno trovato una traccia fondamentale: la denuncia di furto sporta proprio dal ragazzo.

La denuncia di furto del veicolo

Il ventenne, appena poche ore dopo l’incidente, è infatti andato a denunciare il furto dell’auto presso il Comando dei Carabinieri di Sesto. Una mossa decisamente poco furba visto che, da lì, gli agenti sono risaliti direttamente alla sua identità e al fatto che lui, la patente, non l’aveva mai nemmeno conseguita.

Il “confronto all’americana” e le telecamere lo incastrano

Ma non è tutto. Per essere davvero certi della sua identità, gli agenti del Comando di via Marsala hanno prima organizzato un “confronto all’americana”, mostrando ai testimoni le foto di 12 persone tra le quali la sua (e i testimoni lo hanno riconosciuto all’istante). Poi hanno visionato i filmati delle telecamere di un bar tabacchi che si trova a pochi passi dal luogo dell’impatto. Dai nastri si vede chiaramente come, alla guida dell’auto, ci fosse proprio lui. E si vede altrettanto chiaramente come non avesse nemmeno la cintura di sicurezza allacciata

Scatta la denuncia

Convocato in Comando, il giovane è stato denunciato per simulazione di reato e per guida senza patente. E’ stato anche multato per essere scappato dopo aver danneggiato un bene (la cancellata), per non aver comunicato le generalità alla controparte (la concessionaria) e per non aver allacciato le cinture di sicurezza.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia