Viabilità a Copreno, ecco cosa cambia (e cosa no)

Tante le criticità segnalate dai cittadini durante l'incontro con gli assessori, molte e contrastanti le soluzioni proposte.

Viabilità a Copreno, ecco cosa cambia (e cosa no)
Seregnese, 20 Giugno 2018 ore 12:10

Viabilità nel comparto ovest di Copreno, ecco cosa cambierà (e cosa no) nella frazione di Lentate sul Seveso.

Viabilità a Copreno, tante le criticità segnalate dai cittadini

Se ne è parlato martedì sera nella palestra della primaria di via Gorizia con l’assessore alla Viabilità Marco Boffi, l’assessore al Territorio Matteo Turconi e il comandante della Polizia locale Mauro Colombo. Idee e proposte contrastanti quelle suggerite dai cittadini per risolvere le criticità viabilistiche della zona, a tal punto che è stato complicato per gli stessi amministratori tirare le fila dell’incontro.
Una delle problematiche segnalate riguarda l’incrocio detto “del Sant’Antonio”, tra via Montello, Tonale e Sabotino. In particolare Antonia Galimberti, che gestisce il bar che si affaccia proprio sull’intersezione, ha messo in evidenza la necessità di un intervento per garantire la sicurezza e ha chiesto la possibilità di installare uno specchio parabolico. “E’ fattibile, ma sarebbe a carico dei richiedenti e non del Comune, dato che verrebbe posizionato al di fuori di un passo carraio privato”, ha chiarito Colombo. Non tutti hanno condiviso la soluzione del senso unico nel tratto tra l’edicola votiva di Sant’Antonio e piazza Fiume, mentre la soluzione che per il momento si sta valutando consiste nella realizzazione di una piattaforma rialzata sull’incrocio, che verrebbe completata nel 2019.

Via Salvetti al centro del dibattito

La via Salvetti è stata al centro di un acceso dibattito: è possibile ampliarla o renderla a senso unico? L’assessore Turconi ha spiegato che “avremmo voluto allargare la banchina, ma ci siamo scontrati con i proprietari delle aree limitrofe che sostenevano appartenesse loro anche la porzione al di là della recinzione e non erano interessati a cederla al Comune”. Ha quindi prospettato la possibilità di istituire il senso unico, “però mi sembra che non tutti siate d’accordo”, oppure di avere pazienza fino a quando, con il nuovo Pgt, “ci saranno gli strumenti urbanistici che consentiranno di espropriare le aree esterne alle recinzioni e di intervenire sulla via, magari creando una nuova strada di allacciamento tra le vie Salvetti e Lazio. In questo modo, anche se la via Lazio è a senso unico, il traffico verrebbe spezzato”. Alcuni cittadini, tra cui Guido Monti, hanno inoltre proposto di togliere lo stop da via Gorizia e di posizionarlo in via Lazio, mentre altri si sono lamentati del fatto che il senso unico in via Lazio non venga assolutamente rispettato.

Lamentele anche sulla ciclabile in via Tonale

Anche la pista ciclabile di via Tonale è stata oggetto di parecchie proteste e c’è chi ha proposto di eliminarla. “Potevate lamentarvi prima, quando l’ex Amministrazione aveva deciso di realizzarla – ha detto Turconi – Adesso se la rimuoviamo è necessario fare altro, ma per il momento non abbiamo soldi per realizzare un marciapiede. Se volete potere richiedere gli specchi parabolici, ma sarebbero a carico vostro, oppure si possono posizionare dei paletti tra la ciclabile e la carreggiata, ma non so fino a che punto possano servire”.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia