Iniziativa

304 Luoghi del Cuore di Monza e Brianza in gara con il Fai VOTATE

Fra le bellezze delle nostra provincia al momento è in testa la chiesa di San Francesco a Monza a pari merito con Villa Bagatti Valsecchi a Varedo.

304  Luoghi del Cuore di Monza e Brianza in gara con il Fai VOTATE
Monza, 24 Maggio 2020 ore 09:49

304 Luoghi del Cuore di Monza e Brianza in gara con il Fai, il Fondo per l’ambiente italiano. Fra le bellezze delle nostra provincia al momento è in testa la chiesa di San Francesco a Monza a pari merito con Villa Bagatti Valsecchi a Varedo.

304 Luoghi del Cuore di Monza e Brianza in gara con il Fai

Sono 304 i “Luoghi del Cuore» della nostra Provincia che si possono votare in occasione della decima edizione dell’iniziativa promossa dal Fai, il Fondo per l’ambiente italiano. E sono già diversi quelli che hanno incassato voti a un paio di settimane dal varo dell’iniziativa che andrà avanti sino al 15 dicembre. Si può votare online sul sito del Fai, per i primi tre classificati sono in palio, rispettivamente, premi per 50mila, 40mila e 30mila euro.

Chiesa San Francesco Monza
La chiesa di San Francesco, area ex Cotonificio Cederna, a Monza

Fra i 304 luoghi del cuore brianzoli che si possono votare al momento in testa alla classifica troviamo la Chiesa di San Francesco a Monza a pari merito con Villa Bagatti Valsecchi a Varedo (entrambe con 78 voti), subito dietro il deposito dei tram a Desio (76 voti). In classifica generale è invece in testa c’è la Città di Bergamo (2.543 voti, davanti al Bacino del Rio Grande di Amelia, Terni (2.380 voti) e all’Eremo di Sant’Onofrio al Morrone di Sulmona, L’Aquila (2.373 voti). Se avete un luogo del cuore che non è ancora presente in classifica potete  aggiungerlo e votarlo, invitando anche parenti e amici a sostenere la candidatura.

“Sostenete la campagna del Fai”

L’invito del Fai è a sostenere questa campagna in un momento i cui “i musei, i monumenti e i Beni del Fai sono ancora necessariamente chiusi”, fatto che però “non ci impedisce di continuare a prenderci cura, tutti insieme, del nostro territorio e dei suoi tesori”.

Dal 2003, anno della sua prima edizione, “I luoghi del Cuore” è stato eletto da milioni di cittadini a cassa di risonanza per far sentire la propria voce a favore di piccole e grandi bellezze da non dimenticare. Grazie alla partnership con Intesa Sanpaolo il Fai in questi anni ha sostenuto e promosso 119 progetti di recupero e valorizzazione di luoghi d’arte e di natura in 19 regioni. Nelle nove edizioni realizzate sin qui, grazie a più di 7 milioni di voti ricevuti – di cui più di 2,2 milioni nell’ultima edizione del 2018 – è stato inoltre possibile costruire una mappatura unica e spontanea di oltre 37.000 luoghi dalle tipologie più varie, che interessano oltre l’80% dei Comuni italiani.

Quest’anno anche due classifiche speciali

Quest’anno il censimento si arricchisce di due classifiche speciali. La prima dedicata all’”Italia sopra i 600 metri”, cioè a luoghi che appartengono aree interne montane del Paese, la seconda è relativa ai «Luoghi storici della salute», beni architettonici che hanno radici profonde nel nostro passato, e che oggi, a fronte dell’emergenza sanitaria, sono divenuti valorosi presidi a tutela di tutti noi.

I luoghi più votati verranno premiati a fronte della presentazione di un progetto concreto. Dei premi ai primi tre abbiamo detto, il luogo più votato online diventerà protagonista di un video, storytelling o promozionale, realizzato a cura della Fondazione. Per i vincitori delle due classifiche speciali sono in palio complessivamente 20.000 euro.

Fai e Intesa Sanpaolo, dopo la pubblicazione dei risultati, lanceranno inoltre il consueto bando per la selezione degli interventi in base al quale tutti i proprietari (pubblici o non profit) e i portatori di interesse dei luoghi che hanno ottenuto almeno 2.000 voti potranno presentare alla Fondazione una richiesta di restauro, valorizzazione o istruttoria sulla base di specifici progetti d’azione.

TORNA ALLA HOME PAGE

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia