Al Manzoni le note di Lucio Battisti

Un'iniziativa per raccogliere fondi a sostegno di "Salute Donna Onlus"

Al Manzoni le note di Lucio Battisti
14 Ottobre 2017 ore 19:41

Al Manzoni musica per la solidarietà

Al Manzoni un’indimenticabile serata di musica e di solidarietà con “Salute Donna onlus”. Il 30 ottobre alle 21 al Teatro Manzoni di Monza andrà in scena “Il nostro canto libero”, spettacolo musicale con i musicisti storici di Lucio Battisti che racconteranno la storia dell’indimenticabile artista attraverso le sue più belle canzoni.

Un tuffo nei ricordi e nella grande musica d’autore, per una serata di grandi emozioni. L’evento sarà allietato dalla presenza di tre graditissimi ospiti: Aldo Baglio (del trio Aldo, Giovanni e Giacomo) e le attrici Viviana Porro e Silvana Fallisi.

Quattro progetti per i malati di tumore

Al Manzoni durante la serata verranno raccolti fondi per sostenere quattro importanti progetti di finanziamento che l’associazione presieduta da Anna Mancuso ha deciso di appoggiare quest’anno.

Nello specifico il ricavato sarà speso per la ristrutturazione e l’arredo della sala d’attesa della Senologia dell’”Istituto dei Tumori” di Milano e per l’acquisto di un macchinario di pressoterapia per il reparto di Riabilitazione, il rifinanziamento del “Progetto Moira” per l’aiuto psicologico ai pazienti in chemioterapia (nel ricordo della volontaria monzese Moira Porta, prematuramente scomparsa) e per l’acquisto di un ecografo per la riabilitazione dell’Ospedale “Sant’Antonio” di Cantù.

Un’altra straordinaria possibilità, dunque, per divertirsi, emozionarsi e fare del bene.

I biglietti sono già in prevendita alla “Pro Monza” sotto i portici di piazza Carducci (telefono 039 323222) oppure rivolgendosi direttamente alla sede milanese di “Salute Donna” (telefono 02 6470452 o inviando un’email a info@salutedonnaonlus.it)

Per visitare il sito dell’associazione cliccare qui http://www.salutedonnaonlus.it/

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia