Cultura
Corale parrocchiale

Arcore, il coro della parrocchia Regina del Rosario canta in Duomo a Milano

Il coro guidato dal maestro Luca Scaccabarozzi ha animato la messa celebrata ieri pomeriggio, domenica 21 novembre 2021, nella cattedrale meneghina

Arcore, il coro della parrocchia Regina del Rosario canta in Duomo a Milano
Cultura Vimercatese, 22 Novembre 2021 ore 11:35

Una emozione fortissima per un giorno indimenticabile. La corale della parrocchia Regina del Rosario di Arcore ha cantato in Duomo, davanti all’arcivescovo Mario Delpini.
Ieri pomeriggio, domenica 21 novembre 2021, in occasione della seconda domenica di Avvento, la corale diretta dal maestro Luca Scaccabarozzi ha accompagnato la celebrazione eucaristica delle 17.30.

"E' stata una esperienza unica"

A guidare la corale, ricordiamo, è il maestro Scaccabarozzi, direttore di coro, pianista e cantante e che vanta un ricco curriculum: tra l’altro nel 2009 ha fondato l’Ensemble vocale Mousiké, con un repertorio di polifonia rinascimentale e contemporanea che spazia tra diversi generi ed epoche.

"Per noi è stata una emozione fortissima perchè è la prima volta cha abbiamo avuto l’onore di cantare in Duomo - ha sottolineato il maestro -Ringraziamo i cerimonieri del Duomo per averci invitati ad animare la messa"

Il coro è nato nel 1974

Il coro è nato nel 1974 e Scaccabarozzi lo dirige dal 2008. Fin dall’inizio la corale ha introdotto  programmi per concerti soprattutto sulla musica barocca, ma anche con strumenti base. Poi ha continuato ad accompagnare le celebrazioni principali della parrocchia di Arcore, utilizzando anche un ampio repertorio per i coristi e per una loro crescita musicale.

L'invito dell'arcivescovo alle corali

L’Arcivescovo Delpini  ha dedicato una lettera agli animatori musicali in cui esprime grande riconoscenza a tutti coloro che si impegnano ad animare le celebrazioni liturgiche. Ma ha anche sottolineato la scarsa partecipazione al canto da parte dei fedeli durante la Messa.

«Ho scritto queste poche pagine - ha sottolineato Delpini - che ho scritto per incoraggiare a fare, per migliorare la qualità abituale del canto delle assemblee e per sottolineare che l’unico scopo del canto, nella liturgia, è di pregare e aiutare a pregare».

 

Necrologie