Cronaca

Attenzione alla nuova truffa dei cataloghi

Le vittime, come spesso succede in questi casi, sono quasi sempre gli anziani. 

Attenzione alla nuova truffa dei cataloghi
Brianza, 12 Novembre 2020 ore 17:52

Federconsumatori avverte: attenzione alla nuova truffa dei cataloghi. Le vittime, come spesso succede in questi casi, sono quasi sempre gli anziani.

Attenzione alla nuova truffa dei cataloghi

Le truffe non si fermano nemmeno in questo difficile momento di emergenza sanitaria. E’ di oggi la nota di Federconsumatori Monza Brianza che avverte di prestare attenzione ad un nuovo tentativo di raggiro messo in atto  nei confronti delle persone anziane.

“In pratica costoro – spiega l’associazione in una nota – ricevono telefonate di sondaggio che chiedono di rispondere a due e tre domande. Poi chiedono l’età e per ringraziare la collaborazione telefonica inviano, l’indomani, presso l’abitazione un addetto con buoni sconto in regalo o cataloghi. Questa persona chiede una firma per avere accettato i buoni sconto o cataloghi. Ma dopo 15 giorni si presenta un altro personaggio avvisando l’anziana che ha firmato un contratto di prodotti per alcune migliaia di euro”.

“La vicenda si ripete con lo stesso copione della truffa dei cataloghi – spiega Alessandro Cherubin, presidente della Federconsumatori Monza Brianza – ovvero prima consegnano buoni, cataloghi, ecc. informando che non c’è nulla da pagare e chiedono una firma per la consegna. Il codice del consumo dice che c’è tempo 15 giorni per il recesso, ma la persona anziana pensa di aver solo ritirato materiale gratuito. Passati i 15 giorni si presentano per confermare il contratto con brutte sorprese, dove i malcapitati scoprono di dover pagare per vari prodotti da € 2000,00 e oltre a rate”.

La Federconsumatori di Monza Brianza invita le persone coinvolte in questa truffa a rivolgersi agli sportelli della provincia di Monza Brianza oppure inviando una mail: info@federconsumatori.monzabrianza.it

TORNA ALLA HOME 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia