Dopo coronavirus, code e tensioni alla piattaforma ecologica

Dopo coronavirus, code e tensioni alla piattaforma ecologica. E qualcuno per poco non è venuto alle mani, altri hanno cercato di forzare l'ingresso

Dopo coronavirus, code e tensioni alla piattaforma ecologica
Monza, 18 Maggio 2020 ore 10:02

Dopo coronavirus, code e tensioni alla piattaforma ecologica di Monza. E qualcuno per poco non è venuto alle mani, altri hanno cercato di forzare l’ingresso. Sul posto, gli addetti dell’impresa Sangali e due pattuglie della Polizia locale E’ la fotografia di questa mattina, lunedì 18 maggio 2020, alla ulteriore e quasi totale ripartenza di questa fase due dell’emergenza coronavirus.

Coronavirus e piattaforma ecologica, il fatto

Già fin quasi dall’alba, in tantissimi si sono messi in coda lungo viale delle Industrie pensando di accedere in mattinata alla piattaforma ecologica e scaricare così quanto avevano accumulato in casa, ditte e negozi in queste settimane di emergenza e di chiusura dell’isola ecologica. Peccato però che l’impianto nella zona industriale della città sia ancora chiuso. Un malinteso dal momento che sul sito del Comune la piattaforma ecologica era indicata come chiusa fino al 17 maggio. Ma i ritardi nella comunicazione ufficiale e nella firma del decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri non hanno consentito agli uffici l’apertura oggi.

Code e tensioni

In tanti così questa mattina, complice la bella giornata e pensando che la riapertura di questa fase due del coronavirus riguardasse anche la piattaforma si sono diretti verso l’impianto e si sono messi in coda. All’inizio pazientemente, ma quando poi hanno capito che l’area ecologica non sarebbe stata aperta hanno addirittura cercato di aprire i cancelli con la forza. Ne è seguito qualche momento di tensione e sul posto a monitorare la situazione e cercare di rasserenare gli animi sono dovuti intervenire anche gli addetti della ditta Sangalli, l’impresa che si occupa del servizio raccolta rifiuti e dell’igiene urbana sul territorio comunale. Sul posto anche due pattuglie della Polizia locale che stanno ora mandando via tutte le macchine spiegando che la piattaforma ecologica riaprirà con tutta probabilità domani. In queste settimane la piattaforma è rimasta chiusa: per le aziende c’era possibilità di prendere appuntamento, mentre i privati, per quanto riguarda verde e ingombranti, hanno avuto la possibilità di contattare la Sangalli e vedersi ritirare il materiale sottocasa.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia