Giorgio Piazza, la storia della mitica band “PFM” in Villa Reale

Si racconterà la storia della musica e dei gruppi dei primi anni '70

Giorgio Piazza, la storia della mitica band “PFM” in Villa Reale
13 Giugno 2017 ore 15:19

Giorgio “Fico” Piazza: la rassegna culturale “Babele , romanzieri del tempo” ospiterà il bassista e co – fondatore della Premiata Forneria Marconi.

La musica negli anni ’70 con Giorgio “Fico” Piazza

Musica come rivoluzione culturale. Per la rassegna culturale “Babele romanzieri del tempo”, curata da Andrea Magro, giovedì 15 giugno alle 21  “Le Cucine” di Villa Reale ospiteranno Giorgio “Fico” Piazza, il bassista e co – fondatore della Premiata Forneria Marconi, il mitico gruppo rock italiano.

Un viaggio nella storia del rock

Al centro dell’incontro la storia della musica, vista attraverso l’evoluzione delle band nei primi anni ’70 e raccontata dal bassista attraverso curiosi aneddoti che renderanno più appassionante l’ascolto e il confronto con i giovani della generazione “millenium”, rappresentati dai ragazzi protagonisti del programma radiofonico “step by step 3.0”.

L’ingresso è gratuito ma è gradita la prenotazione al numero 347 0569583 o via mail a andrea_magro@hotmail.it

Un successo mondiale

La Premiata Forneria Marconi, nota anche come “PFM”, è un complesso musicale rock progressivo italiano che ha avuto grandissima popolarità. Nota per la qualità, la preparazione e la tecnica strumentale dei suoi componenti, è stata definita “tra le maggiori virtuose della storia del rock”.

Tra le band italiane progressive degli anni Settanta è stata l’unica a ottenere successo fuori dai confini nazionali, dalla Gran Bretagna all’America, fino al Giappone e alla Corea,  e all’epoca è stata tra i pochi complessi italiani a entrare nella classifica degli album nella celebre rivista statunitense “Billboard”.

Nel 2015 la prestigiosa rivista inglese “Classic Rock” ha inserito PFM al 50º posto tra i 100 migliori artisti di tutti i tempi.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia