Cultura
Celebrazioni a Vedano al Lambro

I 130 anni dell'asilo Litta, tutto il paese si è vestito a festa

Alla cerimonia anche Anna Litta Modignani, discendente dei duchi Giulio e Eugenia Litta che vollero l'edificazione della scuola materna

I 130 anni dell'asilo Litta, tutto il paese si è vestito a festa
Cultura Monza, 27 Maggio 2021 ore 10:10

L'intero paese si è addobbato a festa per celebrare i 130 anni della scuola materna Litta. Grandi celebrazioni a Vedano al Lambro per un compleanno davvero speciale.

Scuola Litta, l'asilo del paese

Una piccola mostra, con cimeli storici e le immagini della documentazione e del primo statuto che hanno portato alla nascita della scuola - l'unico asilo del paese - di via Santo Stefano.

Ieri, alla presenza del sindaco Renato Meregalli, i vertici della scuola hanno voluto celebrare questa importante ricorrenza che affonda le sue radici nel lontano 1891.

L'asilo Litta di Vedano è una istituzione. Tutti i vedanesi, di tutte le generazioni, l'hanno frequentato ed è un punto di riferimento per la storia del nostro paese. La sua storia si intreccia con quella della nobile famiglia Litta che ben 130 anni fa volle la sua edificazione per rendere un servizio importante ai figli delle famiglie contadine della zona e anche a quelli dei più bisognosi.

Questo il commento di Mauro Biraghi, presidente del consiglio di amministrazione dell'Ente, durante la cerimonia di inaugurazione del pannello storico nel salone della struttura di via Santo Stefano.

Alla cerimonia erano presenti, oltre al primo cittadino, anche la coordinatrice didattica Anna Mandelli, gli ex presidenti Flavio Caimi, Luisa Lissoni e don Eugenio Dalla Libera, il parroco don Giuliano Parravicini e Anna Litta Modignani, discendente della nobile famiglia (che ancora risiede in Villa Litta alle porte del Parco di Monza) che volle l'edificazione della scuola in un'area della propria proprietà.

All'evento hanno partecipato anche l'assessore alla Pubblica istruzione Selene Dirupati e la presidente del Consiglio comunale Patrizia Lecchi.

I bambini della scuola, invece, hanno affisso sulla cancellata lungo via Santo Stefano i loro disegni e i messaggi di auguri per il "compleanno" del loro asilo.

6 foto Sfoglia la gallery

Una storia lunga 130 anni

Era il lontano 1878 quando il duca Giulio Litta Visconti Arese, con alcuni soci, diede vita alla prima opera da destinare alla cura e all'affido dei bambini più poveri del paese.

Nel 1879, quando il duca divenne sindaco di Vedano, su un'area del grande parco della sua villa decise di costruire una sede più grande e moderna che, ancora oggi, ospita gli spazi dell'unica scuola materna del paese.

3 foto Sfoglia la gallery

Spetterà poi alla moglie, la duchessa Eugenia Litta, portare a termine il sogno del marito tanto che nel 1891 con decreto di re Umberto I divenne ufficialmente realtà. Una istituzione cresciuta anche grazie all'impegno del cavalier Beniamino Corno.

Anche il paese ha voluto celebrare questo importante compleanno. Le vetrine di via Santo Stefano, infatti, si sono addobbate a festa con coccarde bianche e azzurre e hanno allestito dei piccoli "punti di storia".

Il Bar Biassoni, ad esempio, ha esposto alcuni documenti storici e una antichissima mantellina (l'ultima superstite) utilizzata decine e decine di anni fa dai bambini dell'asilo durante i cortei funebri in parrocchia.

Il regalo di Cai e Alpini

Ma anche il gruppo vedanese degli Alpini, insieme agli amici del Cai e della Cùrt da Matìa hanno voluto contribuire con un regalo del tutto particolare.

I volontari e i residenti della storica corte, infatti, hanno consegnato mercoledì mattina ai bambini della scuola materna sette modernissimi igienizzatori per ambienti.

Questo regalo sarà a ricordo di due persone che nella nostra comunità hanno lasciato un'impronta educativa, formativa e di aggregazione sociale più che rilevanti, alle quali ci è sembrato giusto dare un ringraziamento per l'esempio di vita che hanno saputo regalare con la massima umiltà e concretezza non solo alla nostra comunità, ma alla società intera. Sono padre Giulio Mariani e l'alpino Sandrino Villa.

Un regalo che, in questi mesi toccati dall'emergenza sanitaria, sono tanto necessari quanto utili per una maggiore sicurezza nelle aule scolastiche e negli spazi comuni.

Vedano, Alpini e Cai all'asilo Litta

LEGGI L'EDIZIONE DIGITALE DEL GIORNALE DI MONZA

Necrologie