Dati che rincuorano

Il Covid non ferma la cultura: bilancio positivo per la Biblioteca di Cesano e Palazzo Arese Borromeo

I prestiti di libri da gennaio a settembre 2020 sono stati 9.500. I visitatori della Villa oltre 2.500.

Il Covid non ferma la cultura: bilancio positivo per la Biblioteca di Cesano e Palazzo Arese Borromeo
Cultura Seregnese, 20 Gennaio 2021 ore 16:58

Il 2020 si chiude con un bilancio positivo per la Biblioteca di Cesano e per Palazzo Arese Borromeo. L’emergenza sanitaria ha avuto ripercussioni pesanti sulle attività culturali, i numeri lo dimostrano, ma testimoniamo anche la volontà delle persone di partecipare, pur nei limiti consentiti dalle regole anti-contagio, così come testimoniano il legame con la Biblioteca Civica e con Palazzo Borromeo a Cesano.

Oltre 9mila prestiti per la Biblioteca di Cesano 

La chiusura totale durante i tre mesi di lockdown nella primavera scorsa, poi la riapertura e di nuovo le chiusure, e in più la quarantena obbligatoria per i libri che ha rallentato i prestiti. Nonostante le difficoltà, i dati descrivono una continuità che riflette l’attaccamento degli utenti. Il prestito interbibliotecario non si è mai fermato. I prestiti da gennaio a settembre 2020 sono stati 9.500. Queste le cifre da agosto a dicembre:

– 2.015 prestiti ad agosto,

– 3.221 a settembre,

– 2.626 ad ottobre,

– 542 a novembre (mese che ha visto la chiusura della biblioteca),

– 1.997 a dicembre.

Quest’anno la Biblioteca ha potuto acquistare nuovi libri per un valore di dieci mila euro grazie al contributo del Mibact. Risorse arrivate a settembre e da spendere entro novembre, come si è provveduto a fare, promuovendo nel contempo le piccole librerie indipendenti del territorio. Sono stati acquistati libri di storia locale, manuali di preparazione ai concorsi pubblici, libri per bambini e in lingua, novità editoriali e classici in sostituzione dei volumi più danneggiati.

Dopo l’approvazione della “Convenzione di Brianza Biblioteche” per la gestione dei servizi bibliotecari in forma associata, è stata approvata la “Carta dei Servizi della Biblioteca” con l’obiettivo di rendere effettivamente omogenee le attività del sistema, adottando procedure di servizio condivise per potenziare l’offerta e garantire un maggiore livello di qualità. Un impegno per aumentare gli standard di efficienza, ma soprattutto un patto fra biblioteca ed utenti all’insegna della collaborazione. A partire da febbraio 2021 saranno operative alcune novità introdotte con le nuove procedure di servizio come la possibilità di prenotare contemporaneamente un massimo di 10 libri, 5 riviste e 5 multimediali o il passaggio, per chi ancora non l’avesse effettuato, alla tessera sanitaria o alla carta d’identità elettronica per accedere ai servizi elle biblioteche tramite codice fiscale.

Palazzo Arese Borromeo

Tra chiusure causa Covid e riaperture, anche per il Palazzo è stato un periodo molto particolare. Questi i dati relativi a Ville Aperte (26 settembre – 4 ottobre 2020), manifestazione tra le più importanti del territorio che ha visto centinaia di presenze alle visite guidate e ai diversi eventi organizzati a Palazzo.

– Visite guidate di Palazzo Arese Borromeo: 380 partecipanti

– Visite guidate “Il Palazzo Svelato” alla scoperta delle sale non restaurate della residenza: 54 partecipanti

– Eventi: 190 persone ai concerti bandistici, 70 partecipanti all’iniziativa Palazzo Digital, 90 partecipanti allo spettacolo per Call For Artists.

– I visitatori totali nel 2020 sono stati 2.549.

“La pandemia – spiega l’assessore alla Cultura Silvia Boldrini – ha causato e continua a causare molto problemi in particolare alle attività culturali. Tuttavia, pur nel periodo critico che stiamo vivendo a causa del Covid, sia la Biblioteca Civica sia Palazzo Arese Borromeo hanno continuato ad essere un punto di riferimento e i dati nel complesso dimostrano l’attaccamento della città alle nostre due istituzioni culturali simbolo di bellezza ma anche di identità. È un bilancio non paragonabile a quello degli anni scorsi, ma non negativo, al contrario, rappresenta il gradimento dei cesanesi e il riconoscimento dell’impegno dell’Amministrazione e di tanti volontari nel settore culturale”.

Nuova opportunità nel servizio civile

Si è chiusa nel dicembre scorso l’esperienza dei volontari di Servizio Civile che hanno prestato servizio nel settore Cultura. L’Anci ha pubblicato il nuovo bando per la selezione di nuovi giovani volontari. Nel nostro Comune per la Cultura sono previste cinque persone a supporto del progetto “Impara l’Arte” e una posizione per la Biblioteca con il progetto “Non solo Libri”. Le informazioni sulla homepage del sito istituzionale del Comune a questo link. 

TORNA ALLA HOME 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli