Isabella Ferrari e Iaia Forte in una strepitosa black comedy

Da giovedì a domenica la stagione del Teatro Manzoni prosegue con la Grande Prosa

Isabella Ferrari e Iaia Forte in una strepitosa black comedy
08 Novembre 2017 ore 13:41

Isabella Ferrari e Iaia Forte protagoniste al Teatro Manzoni di “Come stelle nel buio”, commedia nera ispirata a “Che fine ha fatto Baby Jane?”.

Un noir sofisticato e ironico

Una black comedy tra umorismo nero e sofisticata ironia.

Una nuova, attesissima produzione teatrale con protagoniste due delle migliori interpreti del cinema e del teatro, Isabella Ferrari e Iaia Forte, dirette dal pluripremiato regista Valerio Binasco.

L’appuntamento è per giovedì sera al Teatro Manzoni alle 21, in replica giovedì, venerdì e domenica alle 16.

Una commedia imprevedibile

In una villa immersa nei ricordi, due sorelle rivivono un passato glorioso ormai svanito. Sullo sfondo delle loro esistenze c’è un terribile incidente che si è portato via il padre e il loro futuro.

Pur assente dalla commedia la sua figura è sempre presente nella quotidianità delle due sorelle, trasformando il palcoscenico in un campo di gioco estremo.

2 foto Sfoglia la gallery

Isabella Ferrari e Iaia Forte

La fascinosa Isabella Ferrari dopo gli esordi giovanissima in commedie di successo si è dedicata a pellicole d’autore diretta da Ettore Scola, Ferzan Ozpetek e Paolo Sorrentino, con il quale ha vinto il Nastro speciale d’argento ne “La grande bellezza”.

L’amore per il teatro l’ha spinta a calcare le tavole del palcoscenico diretta da Cristina Comencini e dallo stesso Binasco.

Iaia Forte dopo il debutto teatrale con Toni Servillo si divide tra il teatro, dove merita numerosi premi, e il cinema, diretta da Nichetti, De Maria, Risi e Sorrentino e ottenendo due Nastri d’Argento, due candidature al David di Donatello, un Globo d’Oro e un Ciak d’Oro.

Per tutte informazioni http://www.teatromanzonimonza.it

 

 

 

 

 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia