Cultura
Inaugurazione

L'omaggio a Maria Hadfield Cosway, la "Grande dame"

La mostra aperta a Lodi e visitabile fino al 27 novembre

L'omaggio a Maria Hadfield Cosway, la "Grande dame"
Cultura Brianza, 23 Settembre 2022 ore 11:09

Una mostra allestita per due mesi per permettere di conoscere al meglio la vita e la storia di Maria Hadfield Cosway, la "Grande dame"

La mostra su Maria Cosway

E' stata inaugurata ufficialmente giovedì 22 settembre (e resterà aperta fino al 27 novembre) nello spazio della Fondazione Maria Cosway in via Paolo Gorini, 10 a Lodi, la mostra  «Maria Hadfield Cosway», curata da Monja Faraoni, Laura Facchin in collaborazione con Massimiliano Ferrario, mentre  la sezione americana è a cura di Maria Cristina Loi. La mostra è stata resa possibile grazie alla Fondazione Maria Cosway, con la collaborazione del Liceo artistico Callisto Piazza di Lodi, che ha curato l'allestimento, il catalogo e la parte grafica della mostra e con il sostegno, quali main sponsor, di Assolombarda e della Fondazione Banca Popolare di Lodi.
Si tratta di una rassegna dedicata ad approfondire la conoscenza e lo studio di questa affascinante donna, la cui vita è stata un vero e proprio Grand Tour tra Firenze, la sua città di nascita, Londra, dove visse con il marito Richard Cosway, la Parigi napoleonica, Lione e infine Lodi, sua seconda patria come la stessa Cosway scrisse: "Non sarei io quella: son divenuta lodigiana come ero lionese come sarò sempre in ogni paese ove mi stabilisco di qual governo sia".

Il viaggio

«Il percorso espositivo, ordinato per sezioni cronologiche e tematiche - spiegano Laura Facchin Monja Faraoni e Maria Cristina Loi - pone l'attenzione sulle testimonianze documentarie e iconografiche della straordinaria vita di Maria Hadfield Cosway. Le ricerche realizzate in occasione della mostra illustrate in un ricco catalogo hanno permesso di mettere in luce in modo approfondito i diversi legami che la pittrice, musicista e filantropa ebbe durante la sua vita con i numerosi personaggi di spicco che conobbe fra Firenze, Londra, Parigi, Lione e Lodi».

Una donna intrigante, capace di tessere relazioni ed amicizie con personalità di rilievo internazionale nella storia politica, culturale e artistica tra la fine dell’Antico Regime e la Restaurazione.
Tra di esse sono sicuramente da ricordare Thomas Jefferson, terzo Presidente degli Stati Uniti, e il suo fraterno amico, il generale polacco Tadeusz Kòsciuszko. Ma anche Louisa Stolberg contessa d’Albany, con l’inseparabile Vittorio Alfieri, la famiglia Bonaparte, Giulia Beccaria e suo figlio Alessandro Manzoni, Ugo Foscolo e Luigi Marchesi di Inzago, che studiò a Modena e divenne «allievo musico soprano» nella cattedrale di Milano.
Senza dimenticare gli innumerevoli artisti che conobbe tra cui Angelica Kauffman, Anne Seymour Damer, Antonio Canova, Jacques Louis David, Joseph-Marie Vien e Andrea Appiani.

«Maria ci consegna molteplici lasciti - sottolinea Francesco Maria Chiodaroli, Presidente della Fondazione Maria Cosway - Alla Fondazione, che porta il suo nome, ed alla “sua seconda patria” Lodi (Maria si considerava fiorentina di nascita e lodigiana di adozione), lascia in particolare la sua opera educativa. I ragazzi hanno bisogno oggi, più che allora, di educatori ed insegnanti appassionati, innamorati delle loro materie a tal punto da renderle affascinanti agli occhi delle nuove generazioni. È quello che ci ha mostrato Maria Hadfield nella seconda parte della sua esistenza, fondando a Lodi, nel 1812, il collegio della Beata Vergine delle Grazie».

Le due anime

Un itinerario contraddistinto da due anime: una storica, caratterizzata da una sessantina di opere, tra dipinti e disegni, molti dei quali visibili per la prima volta in pubblico, e una contemporanea, rappresentata dai lavori degli studenti del Liceo artistico e della Fondazione Luigi Clerici, che hanno reinterpretato, con originalità, gli oggetti del periodo, restituendo i luoghi in cui visse Maria, e la moda del tempo.

«Il nostro territorio, vitale e internazionalizzato, è capace di grandi slanci culturali che traggono forza e sostanza da quel saper fare, cifra del tessuto economico e sociale che fa del Lodigiano non solo una “terra buona”, ma anche un luogo dove l’industria ha solide radici prosegue Fulvio Pandini, vice presidente di Assolombarda e presidente della Sede di Lodi di Assolombarda -   Per questo come sede di Lodi di Assolombarda abbiamo accolto con grande interesse il progetto di
valorizzazione di una figura che molto ha fatto per i giovani sul nostro territorio: Maria Hadfield Cosway. Una donna colta, cosmopolita, interprete di una vita straordinaria ispirata alle arti e profondamente legata alla nostra città, con un percorso espositivo che si configura come un’importante iniziativa culturale per la città di Lodi e per tutto il nostro territorio».

La mostra sarà affiancata da una serie di eventi che si svolgeranno nei mesi di ottobre e novembre. Sarà visitabile, a ingresso libero,  fino al 27 novembre il giovedì e venerdì dalle 16 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie