Cultura
In sala consiliare

Meda omaggia le sue donne: consegnato il "Premio MedaDonna 2022"

Riconoscimento assegnato a sei figure femminili che hanno dato lustro negli anni alla città.

Meda omaggia le sue donne: consegnato il "Premio MedaDonna 2022"
Cultura Seregnese, 13 Marzo 2022 ore 18:17

Meda omaggia le sue donne: consegnato il "Premio MedaDonna 2022". Riconoscimento assegnato a sei figure femminili che hanno dato lustro negli anni alla città.

"Premio per donne straordinarie"

Nella serata di ieri, sabato 12 marzo, in sala consiliare, Meda ha deciso di consegnare il "Premio MedaDonna 2022". Una tradizione per la città in occasione della Festa della Donna. Si tratta di un riconoscimento assegnato alle donne che hanno dato e stanno dando lustro alla città, accrescendone il prestigio e operando con disinteressata dedizione. “Un premio per donne capaci di essere straordinarie nella loro quotidianità - hanno sottolineato il sindaco Luca Santambrogio e il vicesindaco Alessia Villa, che hanno consegnato i sei premi  - Ovvero donne che si distinguono per opere concrete nei campi della scienza, delle lettere, delle arti, dell’economia, del lavoro, della pubblica amministrazione, della solidarietà sociale, della scuola, dello sport e nella semplice vita di tutti i giorni. Donne che è giusto e doveroso elogiare pubblicamente. L’intento è infatti quello di evidenziare azioni di alto profilo morale, coraggio e abnegazione civica sempre nell’interesse del prossimo”.

Sei le donne premiate

Sei le donne premiate nel corso della serata. Marina Pastori, classe 1946, a Meda dal 1972, subito parte del mondo del volontariato è volto storico del Gruppo Volontari Medesi, di cui è presidente dal 2018. Carla Porro in Mariani, 87 anni, tuttora animatrice della classe 1935, si è dedicata e si dedica con passione all’attività storica “La Bomboniera”, che dal 1956 è punto di riferimento per ogni lieta ricorrenza. L'ex insegnante delle scuole San Giorgio Gabriella Maspero, classe 1959, oggi in pensione, che ha cresciuto generazioni di studenti. Graziella Cimnaghi, nata nel 1946,  volontaria in parrocchia e presso l’associazione San Vincenzo, è stata tra le prime a gestire il Movimento Per la Vita, di cui rappresenta un volto storico. La signora Irene Pollina, che lo scorso 2 febbraio ha compiuto 100 anni, che ha lungo ha gestito un attività di oreficeria e orologeria: una storica imprenditrice medese. E poi un premio postumo, dedicato a Monica Tagliabue, scomparsa nel 2020,  ex assessore all’Urbanistica nel decennio dal 1992 al 2002.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie