L'iniziativa culturale

Una poesia dedicata a Monza per tornare a sognare VIDEO

Il progetto è promosso dalla Casa della Poesia di Monza, insieme al Parco letterario Regina Margherita e Parco Valle Lambro, in collaborazione con il Crs Durini e la società Dante Alighieri.

Monza, 18 Aprile 2020 ore 12:23

Una poesia dedicata a Monza, alle sue bellezze, alla sua storia, all’Autodromo, a tutto ciò che manca in questo periodo di quarantena per il coronavirus.

Una poesia per vincere la paura

L’arte è da sempre uno strumento per superare le barriere, per guidare lo spirito verso orizzonti lontani, per viaggiare cullati dalle emozioni. E lo sa bene un gruppo di monzesi che da sempre si impegna nella promozione della cultura del bello. Il dramma della pandemia, dunque, e le importanti misure di isolamento e quarantena imposte giustamente dal Governo, sono elementi con cui tutti stanno facendo i conti. Ed è proprio per questo motivo che la Casa della Poesia di Monza, insieme al Parco letterario Regina Margherita e Parco Valle Lambro, in collaborazione con il Crs Durini, la società Dante Alighieri, si sono rivolti a tutti i poeti delle rispettive città per stimolare la scrittura in versi con la propria lingua dialettale.

Un grande atto d’amore

«Un grande atto d’amore per il proprio territorio – ha scritto Antonetta Carrabs, presidente della Casa della Poesia e promotrice del progetto, nell’annuncio dell’iniziativa “Una poesia per la mia città”, L’Italia dei Poeti – Un territorio che vive giorni di grande sofferenza». E l’iniziativa sta davvero registrando un successo incredibile: poeti da tutte le Regioni della Penisola stanno inviando i brani scritti per l’occasione andando a comporre un progetto unico. C’è chi racconta le proprie emozioni da Napoli, chi invece si cimenta con il dialetto di Verona, e anche i poeti della città di Teodolinda stanno dando il loro contributo. E venerdì è arrivato un graditissimo contributo dedicato all’Autodromo di Monza a cura di Stefano Mauri.

Partecipare è semplicissimo

Partecipare è davvero facile: occorre inviare tramite WhatsApp entro il 31 maggio al numero 366/2956622 la registrazione della lettura del testo poetico. La lettura, però, deve essere preceduta dal proprio nome e cognome, dalla città in cui si risiede e dal titolo del componimento. Si invierà poi all’indirizzo email di Tiziana Achilli, responsabile del coordinamento: tiziana.achilli@lacasadellapoesiadimonza.it il testo sia in italiano, autorizzando i promotori al trattamento dei dati personali.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia