Cultura

Vimercate Festival: una prima edizione che promette scintille

Grande attesa per l'arrivo in città di Moni Ovadia e Luigi Lo Cascio

Vimercate Festival: una prima edizione che promette scintille
Cultura Vimercatese, 07 Giugno 2017 ore 19:45

Vimercate Festival: una prima edizione che promette scintille. E' infatti tutto pronto per la rassegna fortemente voluta dall'Amministrazione comunale targata Cinque Stelle e guidata dal sindaco Sartini. La kermesse offrirà tante occasione di svago e accrescimento culturale dal 29 giugno all’8 luglio

Vimercate Festival: grande teatro in città

Con Vimercate Festival il grande teatro approderà  in città e  occuperà i parchi, i cortili e le piazze. Undici spettacoli, ospitati presso la corte d’onore di Villa Sottocasa, la corte di Palazzo Trotti e, in un caso, anche nella centralissima Piazza Santo Stefano.

animemigranti
Foto 1 di 4
laffarevivaldi_low
Foto 2 di 4
lalocandiera_low
Foto 3 di 4
lebal_low
Foto 4 di 4

Ospiti d'eccezione: attesa per Moni Ovadia

Vimercate Festival è un percorso tra i generi teatrali e offre appuntamenti di grande prestigio e grande impatto per il pubblico. Si va dalle storie di viaggi e viaggiatori “forzati” con Moni Ovadia e il suo Anime Migranti, con Mario Incudine e una band musicale dal vivo, alla follia demenziale e irriverente dei comicissimi Sacchi di Sabbia, presenti con due loro produzioni (Sandokan e Dialoghi degli Dei). Si continua con la rilettura visionaria di due classici del teatro come La Locandiera, con la straordinaria Silvia Galleranno (attrice pluripremiata nei festival di tutto il mondo) e Il malato immaginario nella versione di Ugo Chiti e l’Arca Azzurra, ai quali si accosta la versione pop di Romeo e Giulietta a cura di Davide Palla (tournée da bar).

Luigi Lo Cascio

Il viaggio nel teatro continua con un attore popolare, dalle scelte mai consuete, come Luigi Lo Cascio e il suo racconto dell’Affare Vivaldi, interpretata con i musicisti dell’Ensemble Modo Antiquo. In chiave popolare anche il racconto senza parole di Le Bal, di Giancarlo Fares, spettacolo conosciuto in tutto il mondo e dal quale il grande Ettore Scola ha tratto il suo capolavoro Ballando Ballando: in questa versione, le “storie da balera” riguardano la storia d’Italia dal dopoguerra ad oggi.

Omaggio a Totò

Non poteva mancare un omaggio al grandeTotò nel suo cinquantenario e Vimercate Festival ha pensato per lo spettacolo inaugurale alla versione acida e grottesca di un classico come Miseria e nobiltà a cura di Michele Sinisi e la sua compagnia.

Gran finale

La chiusura del Festival, l’8 luglio, sarà invece affidata a due fenomeni del teatro italiano: il primo è la Compagnia della fortezza di volterra, il più noto gruppo a livello internazionale di teatro in carcere, che festeggia con il pubblico di Vimercate i suoi primi trent’anni di storia con lo spettacolo Mercuzio e altre utopie realizzate, in scena assieme al fondatore della compagnia Armando Punzo e agli altri attori, anche Aniello Arena, premiato a Cannes per la sua interpretazione del film Reality di Garrone. L’altro è un fenomeno più recente, ma ormai riconosciuto ed apprezzato a livello internazionale: la compagnia Punta Corsara di Scampia, ovvero come da un fortissimo disagio socio ambientale può nascere una realtà culturale e teatrale di grande suggestione. Presentano il loro pluripremiato Hamlet Travestie.

vimercate festival

 

Seguici sui nostri canali
Necrologie