Agevolazioni per gli esercenti

A Desio esenzione Tosap sino al 31 dicembre

Viene consentito un ampliamento supplementare di utilizzo del suolo pubblico sino a un massimo di 75 mq.

A Desio esenzione Tosap sino al 31 dicembre
Desiano, 26 Giugno 2020 ore 09:23

In questo momento di grande difficoltà e di lentissima ripresa per le attività economiche locali, il Comune di Desio ha disposto l’esenzione del pagamento della Tosap sino al 31 dicembre 2020 per l’occupazione di spazi antistanti i rispettivi esercizi, ovvero adiacenti o nelle vicinanze (posa di tavolini, ombrelloni, pedane e analoghe strutture a carattere temporaneo immediatamente rimovibili). Ma non solo. Per le concessioni esistenti è possibile un ampliamento sino a un massimo di 75 mq, oppure una maggiore estensione del 30% delle superficie già in uso.

A Desio esenzione Tosap sino al 31 dicembre

E’ quanto previsto dalla Delibera di Giunta comunale dello scorso 4 giugno per sostenere, da un lato, le attività in difficoltà a causa dell’emergenza sanitaria, dall’altro, migliorare la qualità dello spazio pubblico, offrendo servizi ai cittadini. Il provvedimento prevede anche una semplificazione delle procedure: in 15 giorni le richieste di occupazione del suolo pubblico saranno istruite ed evase dal Comando Polizia Locale.

“L’Amministrazione comunale erogherà un contributo ai pubblici esercizi a compensazione della tassa dovuta sino al 31 dicembre 2020 e per tutto il 2021 – spiega il vicesindaco e Assessore con delega ai Tributi Jennifer Moro. Abbiamo adottato un provvedimento volto a fornire un sostegno concreto agli esercenti che hanno dovuto subire l’emergenza. Poiché la normativa non prevede l’esenzione per quelle categorie di attività, si procederà alla concessione di un contributo:  chi ha già effettuato il versamento dell’intero canone annuale, sarà compensato attraverso un contributo di pari importo, chi ha pagato solo in parte, il rimborso sarà di quanto già pagato”.

“Abbiamo cercato soluzioni che fossero vicine alle problematiche e alle difficoltà che sta vivendo uno dei settori strategici per l’economia della Città – prosegue l’Assessore al Commercio Jenny Arienti. I tempi ridotti delle autorizzazioni vogliono essere un incentivo e un sostegno alla ripresa immediata delle attività bloccate a causa del covid19 per un avvio nella piena sicurezza per operatori e i clienti”.

Come presentare la domanda

Per velocizzare le procedure di concessione di spazi e usufruire dell’esenzione è necessario presentare le domande per l’occupazione del suolo pubblico, sia relative a nuove concessioni che di ampliamento delle superfici già concesse, attraverso una PEC all’indirizzo dedicato protocollo.comune.desio@legalmail.it, esclusivamente sul modulo allegato, contenente autocertificazione ai sensi del DPR 445/2000, insieme alla planimetria quotata con indicazione del layout, foto a colori esplicative degli arredi e delle piante da utilizzare, per garantire un adeguato decoro in relazione al contesto urbano).

Regole e divieti

L’occupazione del suolo deve essere tale da garantire che siano sempre disponibili corsie per il transito dei mezzi di emergenza aventi una larghezza di almeno mt 3,50, nonché lo spazio necessario alla circolazione dei pedoni non inferiore a m 1,50. Restano in ogni caso vietati gli assembramenti, il cui verificarsi comporterà, oltre all’applicazione delle sanzioni dettate dalla normativa in materia di prevenzione della diffusione del covid19, la possibile decadenza della concessione rilasciata.

Per quanto riguarda invece gli ambulanti, alle occupazioni dei mercati settimanali viene riconosciuto un contributo economico complessivo pari al 45% dell’importo TOSAP dovuta per l’anno 2020.

Edilizia

Sono prorogate per un periodo pari all’importo dei giorni di sospensione dell’attività edilizia relativa ai cantieri, senza l’applicazione della tassa in relazione ai giorni di proroga e limitatamente al numero dei giorni pari al periodo di sospensione.

TORNA ALLA HOME

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia