la protesta

Sciopero dei corrieri Amazon: consegne bloccate e presidio a Burago FOTO

Disagi nelle consegne dalle station lombarde di Burago, Milano, Buccinasco, Origgio. E lo sciopero durerà 48 ore.

Sciopero dei corrieri Amazon: consegne bloccate e presidio a Burago FOTO
Vimercatese, 19 Febbraio 2020 ore 14:06

Da questa mattina alle 6.30 i corrieri Amazon lombardi sono in sciopero. Disagi nelle consegne dalle station lombarde di Burago, Milano, Buccinasco, Origgio ( Varese). I lavoratori in appalto incroceranno le braccia per 48 ore, in attesa di una possibile riapertura delle trattative con il colosso.

Sciopero dei corrieri Amazon: consegne bloccate e presidio a Burago

“Lo sciopero è stato indetto perché gli accordi che avevamo sottoscritto con Amazon – spiega il segretario della Lombardia della Filt Cgil, Emanuele Barosselli fuori dai cancelli della station di Burago – non sono stati rispettati in molti punti e la situazione è in continuo peggioramento. Diverse le cause che hanno spinto i lavoratori, circa 2mila in Lombardia, a protestare: dai turni i lavoro non fissi, al continuo cambio degli orari. I corrieri sono anche costretti a pagare le multe e i danni ai mezzi con cui viaggiano quotidianamente”.

Tra le rivendicazioni dei sindacati anche buste paga uguali per tutti e in regola, stabilizzazioni, abbassamento dei carichi di lavoro e premio di risultato annuale.

Nessuna risposta

A spiegare le ragioni della mobilitazione è anche, Sara Tripodi, segretaria generale Filt Cgil Monza e Brianza: “Chiediamo uguali trattamenti per i driver di tutte le aziende che operano nelle filiere. Lunedì 17 febbraio abbiamo avanzato ad Assoespressi, l’associazione datoriale di rappresentanza alcune richieste chiare a cui l’associazione non ha saputo dare risposte perché ancora una volta il colosso Amazon fa da padrone”.

“A Burago – continua Tripodi – dopo il picco natalizio, sono state tagliate molte rotte ai lavoratori, producendo la mancata stabilizzazione di circa 80 lavoratori che operano da anni nella filiera. Ma i carichi di lavoro non sono diminuiti, anzi meno corrieri devono fare più consegne! È stato inserito un ulteriore provider in station che affianca il lavoro dei 4 providers già presenti assieme ad Adecco, crediamo che le condizioni di lavoro debbano essere rese omogenee attraverso il rispetto degli accordi sottoscritti e il mantenimento dei livelli occupazionali. Questi lavoratori meritano dignità”, ha concluso la segretaria generale della categoria della Cgil che si occupa di rappresentare e tutelare i lavoratori nei trasporti e nei servizi ausiliari e complementari a tale attività.

Le organizzazioni sindacali lamentano di aver più volte fatto richieste precise alle aziende impiegate nella filiera e di non aver ricevuto risposta: “Amazon deve far rispettare le regole e deve prendersi le sue responsabilità nei confronti di chi consegna i suoi pacchi”, precisano in un comunicato unitario.

2 foto Sfoglia la gallery
Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia