Economia
Evento di Natale

Digitale, elettrico e sostenibile: Confimi presenta l'equazione del futuro per le Pmi

L'associazione brianzola, insieme a Schneider Electric, ha presentato le soluzioni per superare le attuali sfide che stanno affrontando le nostre imprese

Digitale, elettrico e sostenibile: Confimi presenta l'equazione del futuro per le Pmi
Economia 23 Dicembre 2022 ore 08:24

Confimi Industria Monza e Brianza ha voluto augurare buon Natale alle imprese – associate e non – lanciando uno sguardo sul futuro e proponendo soluzioni concrete per affrontare le sfide che ci attendono. Infatti, lunedì 19 dicembre, insieme a Schneider Electric è stata presentata l’equazione del futuro per le Pmi: “digitale + elettrico = sostenibile”.

L'evento di Natale di Confimi Monza e Brianza

La sostenibilità è la parola d’ordine del nostro presente e futuro, ma come renderla concreta? Confimi Industria Monza e Brianza, grazie al supporto di Schneider Electric, ha proposto delle soluzioni che passano dalla digitalizzazione e dall'elettrificazione del processo produttivo e gestionale. Per affrontare queste sfide, non facili per le piccole e medie imprese del nostro territorio, è certamente fondamentale il sostegno di associazioni come Confimi e la collaborazione con partner di primissimo livello, come Schneider Electric.

“Abbiamo degli ottimi solisti ma è necessario che sappiano lavorare insieme per ottenere benefici per tutti” ha affermato Carlo Abbà, assessore del Comune di Monza a Lavoro, Commercio e Attività Produttive, Marketing territoriale e Transizione digitale, nei suoi saluti introduttivi. E questo è proprio l’impegno sindacale e di rappresentanza di Confimi, come hanno ricordato il direttore Edoardo Ranzini e il presidente Franco Goretti, il quale poi ha introdotto il tema dell’incontro, fondamentale per le imprese in questa epoca e da cui deriva un nuovo modo di gestire le proprie aziende.

Rita D'Arenzo ed Edoardo Ranzini

L'impegno di Confimi per affrontare la transizione ecologica

Goretti ha così passato la parola a Rita D’Arenzo, consigliera delegata al tema energetico e administration manager di Lux Italia. D’Arenzo ha lanciato due flash di come il mondo sia in trasformazione dal punto di vista dell’energia: per la prima volta, in un laboratorio della California, è stata realizzata una fusione nucleare che genera più energia di quella necessaria per innescarla, in questo modo potremo avere energia pulita per ogni necessità globale entro qualche decennio; Airbus vorrebbe introdurre un aereo a idrogeno entro il 2035. Questo è il futuro, ma nel frattempo? Tra aumenti dei costi e carenza delle risorse, “ci stiamo adoperando sul tema dell’energia e dell’intelligenza artificiale applicata a queste necessità, organizzando momenti di informazione e formazione e partecipando attivamente alle comunità energetiche, per aiutare le nostre aziende nelle loro reali necessità” ha spiegato D’Arenzo. D’altronde, per le aziende associate, per lo più manifatturiere, l’energia è un asset fondamentale, ha ricordato Ranzini.

Dopo i saluti di Letizia Caccavale, presidente del Consiglio per le Pari Opportunità di Regione Lombardia, che ha sottolineato l’importanza di promuovere le buone pratiche in tutti gli ambiti, e di Alvise Dolcetta, direttore di Theatro, la splendida e innovativa location che ha ospitato l’evento Confimi, si è entrati nel cuore del tema.

Digitale, elettrico e sostenibile: l'equazione del futuro per le Pmi

Negli ultimi 3 anni – di fronte a crisi epocali - abbiamo acquisito maggiore consapevolezza: con il Covid abbiamo scoperto quanto sia fondamentale il digitale, con la crisi energetica quanto sia necessaria l’elettrificazione e con il cambiamento climatico quanto sia indispensabile la sostenibilità ambientale, che deve essere anche economica e sociale. Così ha introdotto il suo intervento Stefano Macrì, Sales Manager di Schneider Electric. Oggi viviamo una svolta, ha aggiunto, in cui la riduzione delle emissioni di anidride carbonica e il taglio dei costi energetici sono collegati, permettendoci di raggiungere obiettivi di efficientamento e sostenibilità. Senza dimenticare gli obiettivi fissati dall’Unione europea per l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. Quindi perché questa equazione del futuro? Solo così si può raggiungere la sostenibilità: grazie al digitale, che permette di mappare i bisogni ed eliminare gli sprechi, e all’elettrificazione, che utilizza energia elettrica derivante da fonti rinnovabili. La proposta per le imprese si concretizza nel mappare i consumi e i bisogni, scegliere possibili azioni e strategie, implementare le scelte e misurarne l’efficacia.

Ileana Puliti e Stefano Macrì

Soluzioni innovative e accompagnamento qualificato

Come fare tutto questo? Ileana Puliti, EcoStruxure Technology Advisor di Schneider Electric, ha presentato le soluzioni che la multinazionale specializzata in energia e automazione ha studiato: una piattaforma hardware e software, abilitata per tecnologie IoT (Internet of Things), per la sostenibilità e la resilienza di impianti e processi, migliorando la sicurezza, l'affidabilità, l'efficienza, la sostenibilità e la connettività nell'azienda. Ed è stato portato un caso di successo che potesse spiegare concretamente come queste soluzioni aiutino davvero le imprese: la Isac Srl di Busano, in provincia di Torino, specializzata da quasi 50 anni nello stampaggio a caldo dell’acciaio.

Il direttore di Confimi Monza e Brianza, Edoardo Ranzini, ha concluso l’evento confermando la proficua collaborazione con Schneider Electric per fornire ai propri associati non solo soluzioni innovative ma anche un accompagnamento qualificato e affidabile per affrontare e vincere le sfide che le nostre Pmi hanno di fronte.

Seguici sui nostri canali
Necrologie