Sponsorizzato

Epilatore a luce pulsata: ecco come sceglierlo e come si usa

Epilatore a luce pulsata: ecco come sceglierlo e come si usa
Monza, 26 Novembre 2019 ore 01:08

Se finalmente vi siete decise a comprare un epilatore a luce pulsata ma non sapete quale scegliere e nemmeno esattamente come si utilizza, siete arrivate a leggere il post giusto. Prima di scegliere uno o l’altro modello, infatti, è bene capire come funziona questo genere di prodotto così da poter confrontare i dispositivi che ci sono sul mercato. Un buon confronto potreste averlo visto su www.epilatorialucepulsata.it, sito dove vengono recensiti i migliori modelli di diversi brand.

Foto termolisi

Ormai saprete benissimo che il principio di funzionamento della depilazione a luce pulsata è quello della foto termolisi. Secondo tale procedimento la luce pulsata, per l’appunto, emana una quantità di energia minima che va a colpire zone ricche di melanina, nello specifico il pelo scuro, e lo va a riscaldare, brucandone il follicolo attivo. In questo modo si blocca sostanzialmente la ricrescita del pelo che quindi per molto tempo resta dormiente. 

Alla fine il risultato, passaggio dopo passaggio, tutte le radici sono dormienti e la pelle risulta liscia. Lì dove tuttavia si attiva un nuovo follicolo (le cause possono essere diverse) e spunta una nuova radice, crescerà un nuovo pelo. Utilizzando nuovamente il dispositivo, comunque, si eliminerà nuovamente il problema. In ogni caso si parla di depilazione “definitiva” anche se definitiva non è perché al 90% il problema dei peli superflui viene risolto.

Come funziona l’epilatore? Come si usa?

I modelli di epilatori a luce pulsata in commercio sono diversi, come visto su www.epilatorialucepulsata.it, ma più o meno li si utilizza nella medesima maniera. In ogni caso prima di usare il prodotto su tutte le zone su cui si desidera intervenire è consigliato fare un test di sensibilità almeno 24 ore prima. Così facendo si potrà comprendere quanta tolleranza ha la pelle rispetto a questo genere di dispositivo. 

Il test si fa impostando l’epilatore sul livello di energia più basso, andando progressivamente ad aumentarlo. Il livello giusto da usare su quella parte è quello dove si avverte pizzicore, caldo, ma dove non si sente eccessivo dolore o disagio. Diverse zone del corpo possono avere sensibilità diversa e quindi possono richiedere l’uso dell’apparecchio con livello di energia diverso.

La zona da epilare va rasata appena prima dell’utilizzo dell’apparecchio cosicché la luce vada a colpire proprio la radice pigmentata. La zona va pulita e asciugata perfettamente. Attenzione perché questo è molto importante per evitare bruciature.

Prima di avviare l’epilatore è bene proteggere gli occhi con appositi occhiali protettivi che, non di rado, vengono forniti con il dispositivo stesso. Procedendo con lentezza e regolarità sulle zone da trattare si avrà la certezza di lavorare bene e di non lasciare fuori parti del corpo. Tenendo premuto il pulsante si emette la luce in modo continuativo. In sostanza si muove il dispositivo come fosse un rasoio, avanti e indietro, su tutta la pelle. Al termine del trattamento si può impiegare una buona crema lenitiva. Scrub e creme esfolianti vanno evitati assolutamente per almeno un giorno.

Se vi fossero comunque ancora dubbi su come si usa un epilatore è possibile trovare online molti video tutorial esplicativi molto chiari. In ogni caso è bene sempre leggere il manuale di ogni singolo prodotto.

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia