Economia
Lunedì il presidio

"Giù le mani dalla clausola sociale", la Filcams Cgil si mobilita per i lavoratori impiegati negli appalti di servizi

Secondo il sindacato l’eliminazione dell’obbligo della stabilità occupazionale nei bandi metterebbe a rischio quasi 10.000 posti di lavoro nella nostra provincia.

"Giù le mani dalla clausola sociale", la Filcams Cgil si mobilita per i lavoratori impiegati negli appalti di servizi
Economia Brianza, 05 Aprile 2022 ore 19:28

Secondo il sindacato un fatto gravissimo che potrebbe mettere a repentaglio la stabilità di circa un milione di posti di lavoro in tutta Italia di cui oltre 300.000 solo in Lombardia. Stiamo parlando della legge delega sugli appalti che, approvata al Senato, attende di essere discussa alla Camera.

La Filcams Cgil si mobilita per i lavoratori impiegati negli appalti di servizi

“In quel testo c’è un pericoloso arretramento con la messa in discussione della clausola sociale nei bandi e la conseguente messa a rischio di molti posti di lavoro, la norma va cambiata”, avverte Laura Lautieri, segretaria organizzativa della Filcams Cgil Monza e Brianza.

La modifica, secondo la Filcams Cgil coinvolgerebbe quasi 100.000 lavoratori nella nostra provincia: “Nella stragrande maggioranza donne con contratti part-time anche involontario e di poche ore la settimana – spiega Lautieri – impiegate nei comparti pulimento e sanificazione, nella ristorazione collettiva, nel portierato e nei servizi fiduciari”.

Per il sindacato "Un passo indietro"

L’iniziativa parlamentare - spiegano dal sindacato - sembra marcare un clamoroso passo indietro rispetto all’obbligo di inserire le clausole sociali volte a garantire la stabilità occupazionale, così come da anni previsto dal codice degli appalti pubblici.

“Negli anni eravamo riusciti a rivendicare la clausola sociale negli appalti pubblici, ossia la stabilità occupazionale di coloro che sono impiegati negli appalti di servizi – spiega la segretaria della Filcams in Brianza –. Renderla non obbligatoria significa dare accesso ai bandi anche ad aziende poco serie, con pesanti ripercussioni sulle lavoratrici e sui lavoratori dei settori coinvolti”.

Lunedì 11 aprile in presidio

Per chiedere che l’obbligo di inserimento delle clausole sociali nei bandi di gara venga ripristinato, le organizzazioni sindacali di Monza e Brianza di Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltucs e Uiltrasporti si sono date appuntamento con i lavoratori lunedì 11 aprile dalle 15 alle 17 sotto la prefettura di Monza.

La scelta  - conclude il sindacato - vanifica anche l’orientamento dell’Unione Europea di garantire la continuità occupazionale dei lavoratori interessati da un cambio di appalto, tramite il loro passaggio alle dipendenze del nuovo appaltatore: “Si rischiano la perdita di posti di lavoro e l’ingresso nei bandi di aziende poco raccomandabili. È importante ripristinare l’obbligo della clausola sociale nei bandi di gara per garantire le lavoratrici e i lavoratori e per questo ci stiamo mobilitando”, conclude la segretaria della Filcams di Monza e Brianza.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter
Necrologie