Yamaha e i Salesiani firmano un accordo per i giovani e il loro futuro

La firma dell'accordo si terrà mercoledì 11 dicembre nella sede dell'azienda motoristica di Gerno di Lesmo

Yamaha e i Salesiani firmano un accordo per i giovani e il loro futuro
Vimercatese, 05 Dicembre 2019 ore 13:06

Il Centro di Formazione “Enrico Falck” Cnos-Fap delle Opere Sociali Don Bosco si arricchisce di una collaborazione molto importante per il suo settore automotive: quella di Yamaha Moto Europe N.V. 

Yamaha e i Salesiani firmano un accordo per i giovani e il loro futuro

La firma dell’accordo si terrà mercoledì 11 dicembre 2019 alle ore 12, nella sede Yamaha di  Gerno  di Lesmo. All’incontro saranno presenti Andrea Colombi (Country Manager di Yamaha Motor Europe N.V. – Sede Secondaria), don Elio Cesari (Direttore delle Opere Sociali Don Bosco) e Francesco Cristinelli (Direttore della sede di Sesto San Giovanni del Cnos-Fap Lombardia).

Per facilitare il passaggio dalla scuola al lavoro

La finalità di questo accordo è quello di ricercare e sperimentare nuove modalità di collaborazione tra gli enti, per facilitare il rapporto e la transizione tra mondo della formazione e mondo del lavoro. 

Nello specifico la famosa azienda motoristica nota in tutto il mondo, sinonimo di primato nelle competizioni su due ruote, collaborerà con la Fondazione Cnos-Fap per qualificarne le risorse strumentali (laboratori, aule didattiche, dotazioni tecniche…) e per elevare le competenze professionali, tecnologiche ed operative dei formatori e degli stessi allievi delle sue sedi. 

“Viene pertanto riconosciuto il ruolo prioritario della scuola e della formazione professionale quale fattore di sviluppo della società civile – sottolinea in una nota l’Ufficio Comunicazioni Sociali delle Opere Sociali Don Bosco  – individuando nell’integrazione tra sistemi formativi e ambienti industriali lo strumento idoneo a innalzare il livello culturale e la competitività del sistema Paese”. 

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia